CONCORSO NUOVI CANTANTI LIRICI E PREMIO ALLA CARRIERA AD ELEONORA ABBAGNATO

CATANIA -  Tra le manifestazioni  della rassegna "Tributo a Bellini", promossa dalla Regione Siciliana, specifico rilievo assume il Primo Concorso internazionale intitolato all'autore di Norma e destinato ai giovani cantanti lirici. Il concerto dei vincitori si è tenuto nella sala del Teatro Massimo Bellini.

Sul podio dell'Orchestra dell'ente lirico etneo un musicista versatile e di rango come Giuseppe Sabbatini. Ospite d'onore della serata  la grande danzatrice Eleonora Abbagnato, alla quale è stato consegnato dall’assessore regionale allo Spettacolo, Manlio Messina, presente il sovrintendente Giovanni Cultrera,  il Premio alla carriera “Teatro Massimo Bellini”.  Il concerto ha visto esibirsi 15 giovani selezionati dai 61 giunti da tutti il mondo. Nessuna  graduatoria di merito, né premi in denaro: i prescelti saranno scritturati nelle prossime stagioni del Teatro Massimo Bellini. La Giuria, presieduta dal M° Fabrizio Maria Carminati, è costituita da figure di chiara fama, scelti tra direttori artistici, sovrintendenti, direttori d'orchestra, cantanti.

Già contrabbassista, adesso bacchetta di fama internazionale ed esperto didatta ma soprattutto tenore dalla luminosa carriera (il pubblico catanese lo ricorda ancora come nostalgico Sou-Chong nel Paese del sorriso e vibrante Edgardo in Lucia di Lammermoor al fianco di Mariella Devia), Giuseppe Sabbatini ha fatto il suo atteso ritorno sulle scene catanesi sul podio del concerto dei vincitori del Primo Concorso internazionale “V. Bellini”, che ha  incoronato le migliori voci emergenti del panorama contemporaneo

Nel corso della serata è stato offerto un intenso omaggio belliniano della palermitana Eleonora Abbagnato, che si è esibita in un intenso passo a due con Giacomo Castellana, artista apprezzato in tutto il mondo.

Già étoile dell’Opéra di Parigi, coreografa, nonché brillante attrice e show woman, la Abbagnato ha ricevuto il Premio alla carriera “Teatro Massimo Bellini”, con la seguente motivazione "per il raffinato magistero interpretativo che l'ha portata a trionfare nei maggiori teatri del mondo e per l'importante  contributo che l'artista siciliana ha saputo offrire alla valorizzazione della danza, prima italiana nella storia nominata ‘danseuse étoile’ del Ballet de l’Opéra de Paris e in atto prestigiosa direttrice del Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *