Calcio Catania: adesso Testa e Cuore per i Play-Off

Dopo la larga vittoria interna contro il Rende, i rossazzurri prendono qualche giorno di pausa prima di cimentarsi in questo mini torneo dal sapore molto invitante chiamato Play-off, il quale vale la promozione in Serie B

46

Terminata la Regular Season con una netta e convincente vittoria ai danni del Rende per 6-1, i rossazzurri di mister Cristiano Lucarelli si riposeranno qualche giorno, prima di tornare sul terreno di gioco di Torre del Grifo Village per preparare al meglio questi Playoff che cominceranno, per la compagine etnea, il prossimo 30 maggio con il punto interrogativo sull'avversaria che si troveranno davanti.

Catania che termina il campionato al secondo posto a quota 70 punti con: 21 vittorie, 7 pareggi ed 8 sconfitte. Migliore attacco con 65 marcature messe a segno e seconda migliore difesa con sole 31 reti al passivo ( solo il Lecce ha fatto meglio con 30). I rossazzurri si aggiudicano anche la classifica cannonieri grazie alle 15 reti messe a segno dal bomber numero 11 Davis Curiale, il quale è riuscito in questo finale di campionato a scavalcare l'attaccante del Lecce Saraniti, che ha chiuso in classifica cannonieri con il secondo posto a 14 gol.

Fino alla fine gli etnei hanno cercato di portare a casa la promozione diretta al campionato cadetto, ma, alcune partite sbagliate, soprattutto in quest'ultima fase di campionato, hanno permesso alla squadra pugliese di Liverani di approdare in Serie B senza passare dalla lotteria dei Play-Off, dopo i numerosi tentativi sfumati negli ultimi sei anni.

In questa post-season che, come anticipato, vedrà i rossazzurri protagonisti direttamente dai quarti di finale, bisognerà prestare la giusta attenzione ad ogni partita, anche perché, in sfide come queste, spesso, sono gli episodi a segnarne le sorti e, ogni piccola distrazione potrebbe far sfumare quel sogno chiamato promozione.

Alessandria, Trapani, Pisa, Siena, Südtirol, sono fra le maggiori indiziate, insieme al Catania, per la promozione in Serie B. Non sarà facile e questo in città fra i tifosi e all'interno della stessa società etnea, è qualcosa di risaputo. Ma gli etnei si presentano come la migliore seconda e la vera avversaria da battere. Adesso servono solamente testa e cuore per cercare di concretizzare un sogno che farebbe svegliare i rossazzurri da quest'incubo chiamato Serie C.

Parola al campo.

In allegato le interviste post-partita dell'ultimo match della Regular-Season, Catania-Rende (6-1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *