XIX concorso Internazionale di Composizione «2 Agosto» di Bologna

Tra i protagonisti il Mezzosoprano Clara Calanna

 


Quest’anno ospite della serata di premiazione del  XIX concorso Internazionale di Composizione «2 Agosto» il mezzosoprano catanese Clara Calanna che per l’occasione – insieme a Anna Maria Sarra (Soprano), Valentina Pinto (Voce) e Gabriele Ribis (Baritono) – interpreterà  «The Closing Statement of the Accused» di Ilya Demutsky componimento vincitore del premio internazionale.  “Sono molto soddisfatta  e orgogliosa – ha detto la Calanna – di potermi esibire con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta dal’’illustre Maestro José Ramon Encinar. Mi sono innamorata del componimento di Demutsky.  Il  compositore russo nato a San Pietroburgo nel 1983, città dove si è anche formato musicalmente. Il testo, redatto in lingua inglese, riporta un estratto delle parole che ha usato in sua difesa durante il processo una delle componenti della band russa “Pussy Riot”, Maria Alyokhina. Si tratta di un’appassionata difesa dei diritti civili e della libertà d’espressione, scelta davvero inusuale e coraggiosa quella del compositore russo. La giuria, del resto, oltre che la notevole qualità compositiva e nell’orchestrazione di questa partitura, ha inteso premiare proprio il coraggio e l’originalità della scelta del testo”.

Il primo premio è andato al compositore russo Ilya Demutsky, il secondo al siriano Zaid Jabry, il terzo allo statunitense Scott M. Ninmer. La giuria ha voluto anche riconoscere due menzioni d’onore alle partiture presentate dal neozelandese Chris Gendall e dall’italiano Adriano Gaglianello.

“Il Concorso Internazionale di Composizione “2 agosto” nasce nel 1994 per volontà dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla Stazione di Bologna del 2 Agosto 1980 – dice il Direttore Artistico Fabrizio Festa -. Nella musica Torquato Secci, presidente dell’Associazione in quegli anni, vide lo strumento più idoneo a tener viva non solo la memoria delle vittime di quell’atto infame, ma anche e soprattutto la lezione che da quella vicenda avremmo dovuto apprendere. A quel crimine bisognava rispondere con un autonomo gesto creativo, da qui il concorso di composizione, che mirasse a cambiare il segno del messaggio terroristico, a trasformarne la sostanza, e ad andare oltre la mera commemorazione. La musica doveva sostituire il fragore della bomba. Da allora, nel rispetto dell’impegno morale che ci siamo assunti, il Concorso Internazionale di Composizione “2 Agosto” – che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana – ha costruito un proprio itinerario artistico, mirando all’elaborazione di un linguaggio il più universale, grazie all’intreccio di musiche e musicalità differenti, sotto il segno dell’innovazione creativa. Punto di partenza quello di garantire ai concorrenti sia solisti di riconosciuta fama (tra i tantissimi, basterebbe qui citare Salvatore Accardo, Michael Brecker, Al di Meola, Stanislav Bunin, Michel Portal, Richard Galliano), sia una compagine orchestrale di grande livello (l’Orchestra della Fondazione Toscanini, alla quale dal 2007 si è unita quella del Teatro Comunale di Bologna), e sul podio direttori di talento. Fondamentale è stata la collaborazione con la RAI, che manda in onda il concerto finale sia in radio che in televisione. Altro partner importante, il Festival Internazionale Mozart a Rovereto, che ha inserito un suo premio nel nostro palmares e replica al suo interno i brani premiati. Da quest’anno ecco al nostro fianco anche l’Orchestra Filarmonica di Torino, che ha scelto di dar spazio nei suoi programmi ai nostri vincitori. Il Concorso Internazionale di Composizione “2 Agosto” è stato sostenuto da alcuni tra gli artisti di maggior spicco sulla scena internazionale. La nostra particolare gratitudine va ai presidenti della giuria: Riccardo Muti, Ennio Morricone, Riccardo Chailly, Semyon Bychkov, Eliot Fisk, Federico Mondelci, Robert Beaser, Tania Leòn, Michel Portal, Jacob Ter Veldhuis, Jesus Villa-Rojo, Aurelio Samorì, Marco Tutino, Klaus Ager.

 

Biografia Clara Calanna  Mezzosoprano

Nata a Catania, dopo 15 anni di pratica polifonica, si diploma in Canto Lirico al Conservatorio Statale di Musica “Arcangelo Corelli” di Messina. Si forma nell’ambito interpretativo scenico- vocale presso l’Accademia della Voce di Torino, l’Ateneo della Lirica di Sulmona e l’Accademia di Santa Cecilia a Roma.

Ha seguito inoltre corsi di interpretazione vocale con i Maestri: Walter Alberti, Alberta Valentini, Renata Scotto, Luciana D’Intino, Raul Gimenez, Claudio Desderi, Claudie Verhaeghe-Micault e Maurizio Arena. Attualmente studia con il mezzosoprano Marilena Laurenza. Vince diversi concorsi tra cui  “Ismaele Voltolini” , “Ruggiero Leoncavallo” “Concorso Internazionale Myricae”, e il  “Città di Caserta” . Nel 2010 è stata tra i protagonisti del  “Tour de Chant 2010” trasmesso da RaiUno in collaborazione con la rivista “L’Opera”  dove si è aggiudicata una menzione speciale. Nel 2010 ha interpretato il ruolo di Azucena ne” Il Trovatore” in scena al Teatro Alighieri di Ravenna , successivamente rappresentato a Jesi, Fermo, Cosenza e nel 2011 a Ferrara e Pisa , con la regia di Cristina Mazzavillani Muti e diretta dal M° N. Paszkowski. Nel maggio 2011 si è aggiudicata il premio della critica nell’ambito del I Concorso Internazionale di Canto “ Marcello Giordani” svoltosi presso il Teatro Bellini di Catania , che le ha permesso di presenziare come artista ospite al Gran Gala Lirico Marcello Giordani and Friends, diretta dal M° G. Acquaviva. Nell’ottobre 2011 è stata Suzuki in “Madama Butterfly” presso il Teatro Lirico di Cagliari con la regia di Mariusz Treliński diretta dal M° Julian Kovatchev e per la stagione sinfonica  ha eseguito la “Messa d’Incoronazione 317” di Mozart e la “Petite Messe Solennelle” di Rossini diretta dal M° F. M. Bressan. Nel febbraio 2012 al Teatro dell’Opera di Roma è stata nuovamente Suzuki accanto al soprano Daniela Dessì diretta dal M° P. Steinber e nello stesso anno a  giugno all’Auditorium la Verdi di Milano, è stata Madelon in “Andrea Chenier” di U. Giordano accanto al Tenore Marcello Giordani  e al Baritono Alberto Gazale diretta dal M° Jader Bignamini. A novembre per il Ravenna Festival è stata Maddalena in “Rigoletto” di G. Verdi, al Teatro Dante Alighieri di Ravenna con la regia di Cristina Mazzavillani Muti e diretta dal M° N. Paszkovski. In gennaio la stessa produzione di Rigoletto è stata rappresentata al  National Theatre in Bahrain e rientrata in Italia è stata ospite del “Concerto in Onore di Sant’ Agata” svoltosi  al Teatro Massimo Bellini di Catania diretta dal M° Josè Cura accanto al Tenore  Marcello Giordani  e  il Soprano Dimitra Theodossiou.  In aprile 2013 al Teatro Municipale di Piacenza è stata  nuovamente Maddalena in “Rigoletto” di G. Verdi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *