Virtus Francavilla – Calcio Catania : 0-1 con tanta ‘positività’

Il Catania affronta e vince in un match combattuto la Virtus Francavilla, gara valevole per la quinta giornata del Girone C 2020-21. Allo stadio “Giovanni Paolo II” di Francavilla Fontana (Brindisi) il Catania ancora corsaro porta a casa il successo con un gol di Sarao su rigore. Aria diversa in vista della Ternana e di #joetacopina122064673_3523644021036629_2494095917375979545_n

La squadra siciliana gioca con il lutto al braccio per la scomparsa dell’ex dirigente dell’area tecnica Fabrizio Ferrigno. Un minuto di raccoglimento prima del fischio di inizio allo Stadio “Giovanni Paolo II” di Francaviilla Fontana.
Terna arbitrale costituita dal signor Matteo Gualtieri (sez. AIA Asti), coadiuvato dagli assistenti Stefano Montagnani di Salerno e Rosario Caso di Nocera Inferiore. Quarto ufficiale di campo Mattia Pascarella di Nocera Inferiore.

Campo in buono stato, 13 i gradi della temperatura serale e almeno il calore del tifo per il pubblico (ovviamente contato) presente sugli spalti.
Il tecnico rossazzurro Giuseppe Raffaele scende in campo con 22 giocatori, rinunziando agli infortunati ed indisponibili Santurro, Noce, Panebianco, Pinto, Dall’Oglio, il cipriota Vrikkis, Arena e anche all’attaccante Reginaldo Ferreira da Silva Fonseca, quest’ultimo per la nota positività al Covid-19.
Pertanto nel 3-5-2 di partenza toccherà ancora una volta a Martinez difendere i legni della porta rossazzurra, con Tonucci, Claiton e Silvestri in difesa,  Rosaia, Biondi, Albertini, Zanchi a centrocampo con l’arrivato Maldonado a ridosso di Sarao supportato in avanti da Emmausso.
Calapai, Welbeck, Gatto
. Piccolo, Manneh rappresentano possibili alternative dalla panchina. Catania con la maglietta gialla e striscia rossazzurra.
Bruno Trocini, allenatore della Virtus, ha dovuto rinunciare per malanni muscolari agli attaccanti Leonardo Perez e Federico Vazquez, ai difensori Daniele Marino e Luca Sparandeo (quest’ultimo per squalifica). Schiera un 3-5-2 a specchio.
All’attacco Joseph Ekuban e Federico Mastropietro, lasciando Francesco Puntoriere in panchina. In porta Diamante Crispino. In difesa Delvino, Pambianchi e Caporale, con Franco, Giannotti, Zenuni, Di Cosmo e l’ex Nunzella (capitano) a presidio del centrocampo. Pugliesi in divisa bianca.
Primo Tempo.

Partenza sprint della Virtus con tante emozioni da rete. Al 3′ con Nunzella, al 6′ con Giannoti e al 9′ con Federico Mastropietro. Poderoso Martinez. Qualche minuto prima un tiro di Biondi, alto, e all’11’ Sarao ammonito per fallo sulla tre/quarti del Catania. Sempre Virtus in pressing e al 16′ tiro di Zenuni in porta. Martinez saracinesca in angolo. Lo stesso Zenuni su rimpallo tira fuori.
Virtus viva, Catania in sofferenza con qualche timido affaccio nell’area di casa.
Al 20′ azione dubbia in area Virtus con Emmausso atterrato. L’arbitro fa proseguire. Dal 24′ finalmente il Catania comincia ad affacciarsi nella tre-quarti della Virtus con spostamento in avanti del baricentro di centrocampo.
Pressione che porta al primo angolo e a due punizioni battute dal solito Rosaia. Nella seconda al 29′ gol mangiato da Biondi.
Dopo due mischie non utilizzate dal Catania, al 33′ contropiede lungo il lato sx. di Ekuba con angolo guadagnato. Martinez sontuoso allontana la minaccia.
Al 35′ ammonito Giannotti per fallo su Maldonato. Al 36′ altra azione dubbia per l’atterramento di Albertini in area pugliese su passaggio di un incisivo Sarao. Per l’arbitro è solo angolo, esitato nel classico fallo di confusione per la squadra di casa.
Al 38′ conclusione pericolosa sul fondo di Di Cosmo. Rigore_1922969972222817774_nAl 42′ la svolta. Fallo in area su un sgroppata dell’ex Albertini …è rigore! L’altro ex Sarao contro Crispino: GOL sulla sx. del portiere e Catania in vantaggio al 43′. 
Un minuto di recupero e azione pericolosa in area catanese con invocato fallo di mano da parte dei giocatori di casa. Azione veemente di protesta che porta al rosso diretto per l’allenatore Trocini e il fallo di frustazione che porta al giallo di Delvino.

                         Virtus Francavilla 0 – Catania 1 al riposo

122002750_3523522631048768_8847483570721203798_n
 Secondo Tempo
Il Catania si presenta più aggressivo nelle prime fasi della ripresa. Subito un tiro di Zanchi parato. Al 51′ azione confusa in area Catanese con fallo su Martinez. Sulla ripartenza contropiede con forte tiro di Emmausso parato in angolo da Crispino.
Gioco abbastanza frammentato con diverse punizioni in zona centrocampo.
Al 56′ contropiede del Catania con Biondi che non trova intesa con Rosaia. Al 59′ ottimo intervento in angolo di Martinez, che al 60′ viene ammonito per aver ritardato la rimessa. Al 62′ Raffaele fa entrare Calapai per Sarao per utilizzare al meglio i quinti di centrocampo, ma gioco forza abbassa il baricentro sulla pressione pugliese.
Al 66′ incursione della Virtus con tiro di Franco parato in angolo da Martinez. Sul tiro d’angolo Ekuban di testa sfiora il palo dx.
Raffaele ritorna ad un 3-5-2 (che sa di 4-5-1) sostituendo Emmausso e Albertini con Pecorino e Welbeck. Partita nervosa con ammonizioni a raffica: Ekuban (67′), Franco (69′) e Zanchi (71′).

Cambio al 72′ per la Virtus. Celli e Castrorani per Pambianchi e Zenuni. Al 74′ ammonito per simulazione Maldonato su incursione in area pugliese. Un minuto dopo palla rubata al centrocampo e Biondi non riesce ad approffittarne.
Forcing della squadra di casa con tiro di Caporale al 78′ parato. Catania attento ma confuso che non riesce ad uscire e a contrastare a centrocampo le folate della Virtus, peraltro poco incisive per la bravura della difesa e di un Martinez super.
(Ah! …quanto vale il tirare in porta di Lucarelliana memoria).
Dopo una punizione di Maldonato senza esito all’85’ gli ultimi cambi.
Per il Catania entrano Pellegrini e Manneh (che si schiera a sx.) per Zanchi e Biondi. Per la Virtus Buglia per Delvino. Freschezze per gli ultimi minuti.
Ben otto sono stati i calci d’angolo per la squadra pugliese, e su un traversone bel colpo di testa di Celli (VF) con parata del n.22 catanese.
Giusti i 4′ minuti assegnati per il recupero dopo il 90°, che si traducono in un niente di fatto per la compagine pugliese.
Vince il Catania su Rigore battuto da Manuel Sarao nel primo tempo. Terza vittoria consecutiva che porta a sei i punti in classifica della compagine isolana che sarebbero stati ben 10 senza i noti punti di penalizzazione. Squadra ben messa in campo da Mr Raffaele, che ha trovato anche le validità di gioco nelle giuste sostituzioni che hanno fatto respirare la squadra. 
Avanti così, a piccoli passi, con il gioco ed il contributo di tutti. adesso lo scontro con la Ternana di Mercoledì sera al Nobile di Lentini… e sarà con il pubblico! Finalmente!                          Virtus Francavilla 0 – Calcio Catania 1 risultato finale

122074870_3523644071036624_2484694752216133973_nGLOBUS Magazine  L’antefatto.
La partita con la Virtus Francavilla in terra di Puglia (annunciata alle 15.00) per assenso della Lega Pro su richiesta del Calcio Catania si sarebbe giocata la sera di domenica alle 20.30 in attesa del riscontro urgente dei tamponi covid-time. Erano state comunicate quattro positività tra cui l’addetto stampa Angelo Scaltriti e il giocatore Reginaldo (asintomatici e posti in isolamento preventivo). In atto c’era un probabile rischio di non scendere in campo per Gatto, Piccolo, Welbeck e il preparatore dei portieri Pantanelli che erano stati qualche giorno prima ad una cena riservata con Reginaldo presente. Il Catania è atteso da una buona squadra e bisognava fare bella figura aspettando il Big Match di mercoledì prossimo con la Ternana di Mr. Lucarelli al “Nobile” di Lentini (ancora indisponibile il Cibali).
Nel pomeriggio finalmente arrivava comunicazione ufficiale: fortunatamente “sono tutti negativi i tamponi effettuati in Puglia. Catania regolarmente in campo“.
Questo ha comportato ad un grande cambiamento delle logistiche societarie. Il Direttore dell’Area Sportiva Maurizio Pellegrino era stato contrariato per gli ovvi disagi patiti dalla squadra e “per non avere avuto conforto dalla Lega e dall’organizzazione medica federale“, impossibile un comodo ritorno dalla terra pugliese. Infatti dopo lo spostamento del match alla sera, il Catania non potrà rientrare in aereo in Sicilia, sobbarcandosi di un lungo viaggio col pulman (più di nove ore) per rientrare a Torre del Grifo. …respirando aria diversa  #joetacopina TACOPINA IN VISTA !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *