“Urrà” per 100 nuovi dottori di ricerca dell’Ateneo di Catania

“Il loro apporto nella crescita dell’Ateneo nel campo della ricerca è stato fondamentale, anche alla luce dei pochi fondi a disposizione e delle difficoltà logistiche”. Un ringraziamento che il rettore Francesco Basile ha rivolto stamattina consegnando le pergamene a un centinaio di giovani laureati che hanno concluso il proprio percorso di studio e di ricerca, conseguendo nel 2018 il titolo di “dottori di ricerca”Consegna Pergamene

orizzontale-grigio (1)

Presenti alla cerimonia il prof. Lorenzo Malatino, delegato del rettore alla Didattica post laurea, e il dirigente dell’area didattica di Ateneo Giuseppe Caruso, e i docenti Paolo Arena, Agata Di Stefano, Maria Grazia Grimaldi, Giovanni Russo e Salvatore Salomone, coordinatori dei dottorati.

“Il dottorato di ricerca è un titolo accademico “post lauream” di 3° livello che fornisce le competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione nelle università e negli enti pubblici o privati, qualificanti anche nell’esercizio delle libere professioni, e non a caso alcuni studenti ricevono offerte di lavoro prima di concludere il dottorato di ricerca – ha aggiunto il rettore -. Dopo molti anni i posti di dottorato banditi in Italia hanno registrato un aumento, con 9250 posti a bando, +5.5% rispetto al 2016, ma l’offerta dottorale registra un’alta concentrazione territoriale, con 10 atenei (di cui 8 del nord) che garantiscono il 42% dei posti a bando. Purtroppo persiste un sistema di “compressione selettiva” con il 49% dei posti bandito dagli atenei del nord, il 29% del centro, il 21% del sud. L’aumento complessivo dei posti di dottorato, dunque, non riequilibra le diseguaglianze fra nord, centro e sud”.

Il rettore, inoltre, ha anche evidenziato che “l’Ateneo di Catania è impegnato in questi ultimi anni ad offrire maggiori opportunità ai nostri giovani e non a caso abbiamo assegnato 80 posti di ricercatori di tipo A e altri 20 saranno banditi a breve”.

Per il prof. Malatino la “cerimonia di oggi rappresenta un momento importante per i dottori di ricerca e per i docenti nel segno del culto di appartenenza all’Ateneo”, mentre il dott. Caruso ha sottolineato “l’importanza del titolo conseguito che favorisce l’inserimento nel mondo del lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *