Umbertata 2019: 18 e 19 Maggio in Piazza Umberto a Catania

La potenza della speranza, flusso che rimette nelle mani il destino. Valutare il proprio futuro, anche ogni minuto successivo e desiderare che sia positivo, migliore del precedente: è qui che risiede la convinzione di riuscire a nominare l’inammissibile, di spingersi con la mente in ambiti impossibili e di pensare a un futuro migliore del presente.

IMG-20190508-WA0005

La Speranza, sin dai tempi antichi ha avuto nel suo significato più profondo quello di tendere verso il bene, partendo innanzitutto da se stessi. Al tema della Speranza è dedicata l’8^ edizione dell’Umbertata, evento cittadino e grande contenitore di incontri e confronti che si svolgerà il 18 e il 19 maggio 2019, Piazza Umberto, Catania. Ma chi ci induce a credere nella speranza?

L’Umbertata è una grande festa in cui gli incontri, i confronti, i laboratori, le esperienze, la musica, la danza, il divertimento, lo sport, il gioco, la cultura, l’arte si mescolano con l’obiettivo di narrare la speranza possibile. “Chi cuce il filo della Speranza?” – tematica che accomuna l’intero corpus dell’evento – intende comunicare, trasmettere e contagiare la speranza, rendendo la piazza un luogo di incontro e di relazione fra tutte le esperienze che generano speranza. A tal proposito ben si allineano i dieci ritratti del fotografo catanese Giovanni Ruggeri esposti nella centralissima via Flamingo.

L’intensa drammaticità delle opere di Ruggeri (5 m. x 3 m.) inevitabilmente segna le vite dei soggetti in mostra e, allo stesso tempo la resilienza, cioè la capacità di adattarsi ai cambiamenti. Sono queste le due chiavi di lettura del percorso espositivo: storie e vicende, molte delle quali nessuno vorrebbe pensare siano quotidianità, ci offrono qualcosa che va oltre una mostra fotografica, ci propongono un importante testimonianza di critica e riflessione. Coltivare e proteggere la Speranza, senza la quale tutto diventa privo di senso, significa anche riconoscere i nostri limiti, quelli propri della condizione umana, e aprirsi alla sorpresa, al fascino dell’inatteso. La società, nel suo insieme è il risultato di un’infinità di fattori e condizioni del tutto imprevedibili. Anche per questo, Giovanni Ruggeri, coi suoi scatti intende sottolinearne gli aspetti più reconditi, quelli costituenti l’anima, che con la potenza della speranza diventano il flusso che rimette nelle mani delle persone il proprio destino.

Quando Pandora, disobbedendo a Zeus, aprì lo scrigno che le era stato donato, liberò tutti i mali del mondo, eccetto la Speranza. Gli uomini, che prima erano felici e immortali come gli dei, conobbero allora il dolore e la morte, finché ella non liberò anche la Speranza, che alleviò la loro insopportabile esistenza.

La Speranza radicale è alimentata dalla convinzione, solidamente fondata sull’esperienza storica, che nessun potere può rendere impossibile ciò che desideriamo fortemente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *