Turismo e Formazione, tutti i numeri dell’eccellenza nel piano settoriale “HT – Hospitality Training”

Dalle zuppe al Siciliansushi e all’arte del te in Oriente alla cucina creativa stellata con i grandi chef e ai cocktail dei mixologist internazionali: le professionalità del futuro che parlano giapponese e la lingua del food

la-place-du-9-avril-de-taormine-1024168025-1573637

Dalle zuppe al siciliansushi con i prodotti del territorio, dall’arte del te in Oriente, con le miscele e l’abbinamento con cibi, alla cucina creativa con gli chef stellati e ai cocktail dei grandi mixologist internazionali.

Sono alcune delle professionalità del futuro che parlano giapponese e la lingua del food  che sono state al centro del piano formativo  “HT – Hospitality Training”, finanziato  da Fondimpresa e organizzato da Civita, i cui dati conclusivi saranno illustrati oggi venerdì 18 maggio, ore 10, all’hotel Palace Excelsior di Taormina, in occasione del convegno dal titolo “Formazione e Turismo: qualità, competenze e nuove tecnologie”, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale all’Istruzione e Formazione professionale Roberto Lagalla.

Dopo i saluti dell’assessore al Turismo di Taormina, Salvo Cilona, i lavori saranno aperti dalla responsabile del Piano HT Adele Palazzo. Seguiranno le relazioni di Benedetto Puglisi, direttore del Master “THEM – Tourism, Hospitality, Event & Management” della BeAcademy, Antonello Calvaruso, direttore scientifico AIF nazionale, Roberta Piazza, delegata per la Formazione Continua e l’Apprendimento Permanente dell’Università di Catania, Ivana Pelloso e Sergio Nisi delle società partner del progetto, Poliedra del Piemonte e Saip del Lazio. Concluderanno Santa Vaccaro, responsabile OBR Sicilia delegazione territoriale di Fondimpresa, e Luca De Zolt, della Filcams Cgil nazionale.

Quello appena concluso, con 1950 ore di formazione, 41 azioni formative, 83 edizioni formative e 350 lavoratori coinvolti, è un piano settoriale multi regionale finanziato dal fondo interprofessionale Fondimpresa che ha coinvolto 58 imprese del settore turistico- alberghiero, di 6 regioni oltre che della Sicilia, Campania (16) Puglia (1), Abruzzo (1), Molise (2), Toscana (2). Le siciliane in squadra sono state 36 e Taormina, la capitale del Turismo, l’ha fatta da padrona assieme a tutta la provincia di Messina con 12 aziende partecipanti, 9 a Siracusa, 7 a Catania, e ancora Ragusa (5), Palermo (2) e Agrigento (1).

Ma l’elenco è lungo dei moduli svolti nell’ambito del Piano HT, dedicati alle nuove frontiere, la destination management, le tecnologie digitali, l’internazionalizzazione per le aziende che operano nella ricezione: dal MICE: cioè, come organizzare congressi, banqueting al revenue management; il web marketing, lingua giapponese e l’inglese. Per il settore della ristorazione, moduli dedicati alle bollicine nel bicchiere, ai vini, ai distillati; alle tecnologie e tecniche innovative di conservazione dei prodotti i alimentari e delle bevande e alle nuove tendenze della pasticceria nello scenario internazionale; e ancora, la mise en place, l’arte del ricevere.

 “Il turistico ricettivo è uno dei settori portanti dell’economia nazionale per contributo alla formazione del PIL e per numero di occupati – anticipa Nanda D’Amore responsabile Civita – Tuttavia lo scenario del mercato del lavoro nel settore turistico è interessato da mutamenti strutturali ai quali è fondamentale che la formazione sia pronta a rispondere”. Una formazione che si è mossa su tre direttrici in particolare, quella dei processi produttivi; quella dell’E-commerce con i modelli di vendita diretta ai consumatori e tra aziende B2C (Business to Customers) e B2B (Business to Business); e l’internalizzazione per l’apertura al mercato globale, sia in forma indiretta attraverso buyer, importatori e distributori, sia mediante la gestione diretta all’estero, anche tramite partenariati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *