TROFEO DELLE REGIONI DI MINI ENDURO, E’ CONTO ALLA ROVESCIA

Catania – E’ conto alla rovescia per l’ottava edizione del Trofeo delle Regioni di minienduro che si svolgerà a Gaggi, nel Messinese, dal 25 al 26 agosto

maurizio musumeci durante la precedente edizione del trofeo delle regioni

Si tratta di una gara nazionale di minienduro della Fmi che assegna il Trofeo di fine stagione alla Regione prima classificata nella gara in questione. E’ un fatto straordinario per la Sicilia poiché dopo le prime sette edizioni svoltesi al centro-nord, per la prima volta in assoluto la gara è stata assegnata al Sud Italia. Merito del Motoclub Sicilia, che è catanese, come gli organizzatori dell’evento, dal presidente Giuseppe Cagnina al coordinatore e direttore di gara Maurizio Musumeci e il fact totum Turi Leonardi, personaggio di spicco dell’enduro isolano e non solo e protagonista nell’organizzazione di grandi corse, non ultimo il mondiale di enduro svoltosi a Francavilla di Sicilia nel maggio del 2011. C’è, dunque, tutta una macchina organizzativa dietro, compreso il capo spedizione Ninni Marchese che sarà coadiuvato dai tecnici federali Saverio Sciacca e Tonino Abramo.

“C’è un lungo lavoro dietro l’allestimento di questo grande evento – ha detto Musumeci – e non ci fermiamo un attimo perché vogliamo farci trovare pronti. I sopralluoghi sono quasi quotidiani e i sacrifici pure ma penso ne valga la pena per regalare a tanti appassionati uno spettacolo unico per questa nostra terra che ha tanta passione per le due ruote. Speriamo in una grande cornice di pubblico, anche perché le caratteristiche del tracciato consentiranno una buona visione a tutti”.

“Espletata la fase burocratica – ha aggiunto Cagnina – adesso ci siamo messi sotto con tutta la parte tecnica e operativa. C’è da ringraziare il Comune di Gaggi per la sensibilità che ha dimostrato nell’accoglierci, anche perché questa manifestazione sarà un ritorno economico pure per loro fra indotto e presenze a fine agosto: se ne stimano circa mille e il territorio saprà accogliere nel migliore dei modi piloti, società, addetti ai lavori, famiglie e appassionati. E poi questo Trofeo sarà una grande festa per tutti e la finalità nasce proprio dal fatto che lo spirito deve essere questo: nessuna invidia, solo rispetto reciproco perché si lavora tutti insieme per far crescere ancora di più questo sport nella nostra terra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *