Test su strada: dati positivi e molto diversi rispetto alle prove in laboratorio

 

Giovanni La Via, presidente della commissione Ambiente del Parlamento europeo: “Così si abbasseranno i limiti delle emissioni reali e si tuteleranno i lavoratori”

 

foto la via (2)

 

 “Una variabilità enorme tra i test in laboratorio e i test su strada”. A pochi giorni dal voto di Strasburgo che ha decretato il via libera ai limiti per le emissioni dei veicoli, a Bruxelles in commissione Ambiente, presieduta dall’on. Giovanni La Via (PPE), si è riaperto il confronto. Esperti del settore, ingegneri, rappresentanti delle industrie automobilistiche e dei consumatori hanno portato le proprie esperienze e conoscenze convergendo sulla necessità di garantire il miglioramento della qualità dell’aria e restituire, d’altra parte, fiducia all’industria automobilistica, su cui ha pesato fortemente lo scandalo Volkswagen. Alle prime reazioni, si erano poi aggiunte le polemiche dei verdi e dei grillini, a cui il voto emblematico della plenaria intende dare una risposta “tecnica e precisa”, contro la disinformazione fatta nei giorni scorsi.

In questo senso ha orientato la propria azione, il presidente La Via che ha voluto vederci chiaro, sostenendo  i test reali in condizioni di guida (RDE), sulla scorta di un dato incontrovertibile, che non riguarda ovviamente una sola casa automobilistica: “Oggi le automobili emettono in media 360 mg/km. Dopo l’approvazione del testo a Strasburgo, il nuovo limite è stato fissato a 168 mg/km, valore che si abbasserà fino a 80mg/km entro il 2023. Ciò che deve essere chiaro – ha precisato La Via – è che abbiamo con forza chiesto e ottenuto di passare da un sistema di omologazione e misurazione in laboratorio, a test effettuati su strada, che ogni consumatore può testare guidando il proprio autoveicolo. E’ questo – ha aggiunto l’eurodeputato – il dato centrale voluto per riformare profondamente il sistema, migliorare la qualità dell’aria che respiriamo nelle nostre città e per evitare che in futuro possano ripetersi frodi come quelle che hanno originato il caso Volkswagen”.

La nuova tecnologia, con software e hardware sofisticatissimi, viene incontro alle nuove esigenze eco, che ovviamente aspettano che sia provata al 100% l’attendibilità dei test. Ma già dalle misurazioni effettuate dal Centro Comune di Ricerca tra il 2007 e il 2010, su 12 veicoli leggeri, 6 a auto a diesel e 6 a benzina, risultava uno scarto importante rispetto ai test in laboratorio, per cui si è deciso di dare il via a nuovi test con dispositivi mobili, capaci di misurare l’impatto degli inquinanti sull’ambiente in strada. E oggi questa appare l’unica strada da percorrere, conciliando la necessità di ridurre fortemente l’inquinamento, rientrando nei limiti fissati dalla legge, salvaguardando al contempo posti di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *