Terza tappa della Tirreno Adriatico: GAVIRIA E LUTSENKO, DUE FACCE NUOVE!

Bel successo allo sprint di Fernando Gaviria, Etixx Quik Step, nella terza tappa della Tirreno Adriatico conclusasi a Montalto di Castro.lutsenko

Il ventunenne colombiano, al primo successo in una prova con il marchio World Tour, batte nettamente il gruppo in volata precedendo Ewan, Viviani e Sagan. Tappa dall’andamento scontato, con il gruppo che annulla la fuga di giornata con un tempismo al limite del masochismo. Mancavano infatti solo 1500 metri quando il plotone assorbiva i coraggiosi di turno che quasi quasi ci avevano creduto.
La Tinkoff aveva preso le operazioni operando la svolta decisiva nel ricongiungimento. Tutto sembrava arridere a Sagan, compreso un finale di gara per nulla semplice con diverse curve. Invece succedeva che Gaviria, contravvenendo il manuale dello sprinter perfetto, affrontava l’ultimo chilometro ben oltre la quindicesima posizione, risalendo da solo la testa del gruppo riusciva a dribblare quasi con nonchalance gli inconvenienti di chi lancia una volata tardiva e senza correre eccessivi rischi andava vinceva la volata in scioltezza. A nulla valeva il tentativo di rimonta del goffo Ewan, Viviani buon terzo dopo una onesta volata, mentre Sagan si imbrigliava come spesso gli capita nelle volate numerose. Che dire di Gaviria?
3cbd9c0ad10486192e21970fd5d23024

Forse è un po’ presto ma, alla luce di quanto gli ho visto fare oggi, credo che questo abbia le stimmate del campione. Nel dopogara il simpatico l’argomento di discussione è stato se un domani potrà vincere la Roubaix, suo dichiarato sogno nel cassetto. Io dico che prima della classica francese viene la Sanremo e lì, chi vorrà vincere, dovrà augurarsi di non averlo accanto nel vialone finale.
Per il resto la Corsa dei due Mari in questa sua fase iniziale ha visto il dominio degli Etixx Quik Step. Dopo il successo previsto della BMC nel cronosquadre iniziale, doppio centro degli uomini dello squadrone belga. Ieri vittoria di Stybar, finisseur di raffinate qualità, oggi si è ampiamente detto della vittoria di Gaviria. Maglia di leader, manco a dirlo, sulle loro spalle. Comanda Stybar.

Sull’altro versante che conduce a Sanremo si segnala lo spettacolare numero di Lutsenko, giovane alfiere dell’Astana. Il kazako, lanciatosi all’attacco a circa trenta chilometri dall’arrivo, ha prima raggiunto lo stremato francese Duchesne e dopo averlo staccato ha ben resistito al ritorno del gruppo pilotato dai Katusha di Kristoff. Nulla da fare per il norvegese  che alla fine si è dovuto accontentare della seconda moneta. Terzo, il leader della corsa, Matthews

Gaviria e Lutsenko due, che per motivi diversi, si segnalano come probabili protagonisti di una Milano Sanremo che più che mai quest’anno si preannuncia dall’esito incerto.

Vedremo, la risposta è dietro l’angolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *