Teatro Sala Fontana, Dock In Absolute con “Inside”

Musica nuova dal vecchio continente, dal Lussemburgo a Milano arriva il suono unico e ricercato dei Dock in Absolute con “Inside”.

DOCK IN ABSOLUTE

Dopo il viaggio in Germania e Francia con il concerto di Anja Lechner e François Couturier, tornano gli appuntamenti con AH-UM MEETS EUROPE, la rassegna musicale ideata e realizzata da Antonio Ribatti. Venerdì 10 febbraio sul palco del Teatro Sala Fontana (via Boltraffio 21, zona Isola) dal Lussemburgo arrivano i Dock In Absolute con il loro progetto Inside. I biglietti sono disponibili online sui circuiti ufficiali del Teatro Sala Fontana (http://bit.ly/2inQSnD) e in cassa la sera stessa del concerto. Per info e prenotazioni: www.ah-um.it, 02.69015733 fontana.teatro@elsinor.net.

Dock in Absolute (Lussemburgo) è un trio di giovani professionisti con una solida preparazione maturata in ambiti prestigiosi come la Berklee College of Music di Boston, Codarts University of Arts di Rotterdam, Hochschule für Musik di Saarbrücken. Jean Philippe Koch al pianoforte, David Kintziger al basso elettrico e Michel Meis alla batteria si accostano alla musica con un approccio libero, svincolato da ogni convenzione che li porta a inventare un mondo sonoro ricchissimo, somma di sperimentazioni su ogni tipo di sonorità e di genere musicale. I Dock In Absolute suonano un jazz contemporaneo in cui sono palpabili diverse influenze: il trio attinge alla classica, al rock, all’elettronica e perfino alle arti visive inserendosi nella migliore tradizione romantica europea. Koch, Kintziger e Meis hanno di recente registrato un album di prossima uscita per la prestigiosa Cam Jazz.

Dopo i Dock in Absolute, il percorso di AH-UM MEETS EUROPE alla scoperta delle eccellenze della culture musicali europee continuerà venerdì 10 marzo con Diminuendo (Cam Jazz) di Andrea Lombardini. Tra composizioni originali, libere improvvisazioni e melodie evocative, sul palco del Teatro Sala Fontana ci sarà un insolito organico in cui Lombardini alterna il basso al colascione (strumento acustico del rinascimento italiano appartenente alla famiglia dei liuti), Michel Godard la tuba al serpentone e Emanuele Maniscalco il pianoforte  alla batteria, presenterà una musica dagli orizzonti amplissimi (Italia – Francia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *