Il Teatro delle Nevi va in scena con “Attori e Malfattori”

Il nuovo spettacolo del Teatro delle Nevi è… il cavallo di battaglia “Attori e Malfattori”. In scena questo e il prossimo weekend (sabato 11 e 18 marzo ore 20.45, domenica 12 e 19 marzo alle ore 19.45) al teatro Grotta Smeralda di Aci Castello.

FB_IMG_1489133798796

Uno spettacolo dal sicuro successo, replicato più volte e messo in scena da molteplici compagnie di tutta Italia, nelle scuole di recitazione romane, persino nelle carceri minorili e che ha regalato i primi riconoscimenti nazionali alla compagnia catanese “Teatro delle Nevi”. Tra i tanti caratteri che rendono la commedia divertente e dai ritmi incalzanti, si distinguono: il personaggio di “Italo” di un formidabile Maurizio Panasiti (protagonista di uno spettacolo successivo, “Spaghetti alla chitarra“), la regista interpretata da Liliana Biglio, i tre detenuti che insieme ad Italo sono protagonisti dell’opera Ernesto Mangano, Marco Musumeci e Rodolfo Torrisi. Divertenti e simpaticissime l’agente di polizia interpretata da Irene Tornabé e il gruppo di donne: direttrice (Elisa Toscano) , sottosegretario e suora (doppio ruolo di Eleonora Giuffrida), madre badessa (Angela Barbagallo) e la suora (Daniela Torrisi). Voce e volto di un personaggio dalla difficile definizione è la bravissima Alessia Consoli. Il testo interamente scritto da Ernesto Mangano e Rodolfo Torrisi pubblicato dall’Assessorato Regionale ai Beni culturali della Regione Sicilia, rappresenta un successo autoriale siciliano. La trama: la Direttrice di un carcere modello affida la realizzazione di un ambizioso progetto rieducativo ad una regista teatrale, “armata di buona volontà e spirito umanitario”.

Ai provini vengono scelti cinque detenuti: Corrado e Nicola, tra cui non corre buon sangue, Italo, frizzante extracomunitario, il silenzioso Volume e l’assente Manlio. La regista è una che ci sa fare e i detenuti, inizialmente interessati esclusivamente allo ; di pena previsto dal progetto, pian piano si appassionano alle prove. Nonostante gli incidenti, il singolare supporto dello psicologo Boschi-Casalberti, le intemperanze dell’agente Apicella e le temute incursioni di Suor Alfia, arriva il gran giorno dello spettacolo. Ma l’epilogo è un fuori copione… Cagliari, 2005 – Premio Nazionale F.I.T.A. Nomination Miglior Regia a Rodolfo Torrisi e Nomination Miglior Attore Caratterista Italiano a Maurizio Panasiti (“Italo”) Catania, 2008 –  Festival del Teatro Regionale F.I.T.A. Sicilia – Teatro Angelo Musco. Premio Miglior Attore Caratterista a Maurizio Panasiti (“Italo”) Calamonaci (AG), 2017 – Premio Nazionale Salvo Randone – Attualmente in concorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *