Taormina: dopo lo spettacolo, le star e il glamour, arriva la protesta!

Potrebbe essere questo l’ultimo anno per il Festival del cinema di Taormina visto che il taglio dei finanziamenti regionali a TaoArte è passato dai 2 milioni del 2012, ai 699 mila di quest’anno, passati poi a 207 mila dopo l’impugnativa della finanziaria. Ovvero siamo pari al 75 per cento in meno in percentuale che diventano il 92 per cento dopo il no del commissario.

Insomma, un vero disastro.

Così l’anno prossimo bisognerà sicuramente ripensare ad una nuova formula istituzionale e giuridica del festival e come dichiara lo stesso Ninni Panzera, segretario generale di TaoArte, potrebbe essere quella di una fondazione «Sulla creazione della fondazione non si può più tergiversare». 

Di questa crisi ne hanno fatto le spese anche i giornalisti, che durante la settimana del festival, si sono trovati in molti impossibilitati a comunicare (collocati in hotel senza campo telefonico) e a scrivere per mancanza di strumenti come computer, sedie… 

Ci si è insomma adattati: chi si è seduto per terra a scrivere e chi si è ritrovato a fare il proprio lavoro nella struttura ancora fatiscente del palacongressi (ancora non restaurato).  A dare conferma che la manifestazione è probabilmente arrivata alla sua ultima spiaggia, c’è stata l’ultimo giorno, il 21 Giugno,  la protesta di cinquanta lavoratori e collaboratori di Taormina Arte, che, riunitisi al teatro antico, hanno spiegato come la 60/ma edizione del Taormina Film Fest è stata resa possibile grazie al loro lavoro gratuito e al loro sacrificio.

I lavoratori, che non vengono pagati dal mese di Gennaio, hanno infatti dichiarato che non intendono placare lo stato di agitazione fino a quando non saranno devolute le loro giuste spettanze economiche e non sarà restituita a Taormina Arte quella dignità antica che merita.

Tra i temi emersi durante la protesta, l’annunciata trasformazione in Fondazione di TaoArte che garantirebbe la possibilità di attingere anche ad altre risorse, europee e private.

Una situazione, questa, che se fosse raccontata in un film avrebbe come titolo “Quando la crisi colpisce Taormina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *