A Taormina dal 21 al 25 giugno la nona edizione del festival ideato e diretto da Antonella Ferrara

Al TAOBUK 2019: LA GIORNATA DI LUNEDì 24 GIUGNO GIAN LUIGI BECCARIA, EVA CANTARELLA, LUCIANO CANFORA, MICHELA MARZANO, GIOACCHINO LANZA TOMASI 

GLI OMAGGI A LEONARDO E A CARAVAGGIO

Taobook1

Una giornata ricchissima di appuntamenti quella di ieri, lunedì 24 giugno, penultimo giorno per l’edizione 2019 di Taobuk. Sin dalla mattina importanti presenze hanno animato i luoghi del festival: a Palazzo Ciampoli, Emanuela Ersilia Abbadessa ha raccontato come “Glöden, presente nei miei pensieri fin da quando ne vidi le foto da bambina sul corso di Taormina, è tornato a ispirarmi il personaggio di Trier nel momento in cui volevo raccontare la ricerca di un’identità sessuale diversa dal machismo, nell’Italia muscolare del 1932”. Gioacchino Lanza Tomasi, musicologo di fama mondiale al festival per un omaggio a Giuseppe Tomasi di Lampedusa ha provocatoriamente dichiarato: Il Gattopardo è costruito sull’onda di un desiderio di oblio che fa dell’autore un vero e proprio campione del pessimismo, e dunque una figura scomoda in una società che vorrebbe essere propositiva, anche se non si capisce bene di cosa”. E ancora Gian Luigi Beccaria sul desiderio di scrivere, che spesso si fa vera e propria urgenza e bisogno di indagine. Taobuk2Una dichiarazione d’amore anche alla tradizione di scrittura siciliana e all’estrema peculiarità di questa terra; Eva Cantarella, con il suo excursus attraverso i miti greci e romani, custodi di insegnamenti universali, a dimostrazione che se “altri” sono tutti quelli che sono altro da noi, è la nostra cultura a determinare ciò che siamo, e il modo stesso che abbiamo di intendere e percepire i sentimenti. Infine, in un’animata Piazza IX Aprile, Luciano Canfora ha ricordato come “studiare il modo in cui gli antichi hanno dato risposta al problema della schiavitù, oggi, non è solo un piacere, ma un dovere civico” e la scrittrice Michela Marzano e la sua riflessione sul tema dell’identità e di cosa che resta dopo che si è smesso di riconoscere le persone che ci sono vicine. La giornata di oggi, martedì 25 giugno, ultima di festival ma ancora ricca di tantissimi momenti di approfondimento e racconto: Matteo Nucci, con l’incontro “Eros e disìo”; il giornalista Pietrangelo Buttafuoco con la sua lectio magistralis; l’omaggio a Leonardo con lo storico e critico d’arte Jacopo Stoppa e l’autore Giovanni Agosti; a cinquant’anni dalla scomparsa della Natività di Caravaggio, una conversazione con Salvatore Silvano Nigro e il Generale di Brigata Roberto Riccardi. E per finire una grande anteprima nazionale: Andrea Purgatori in piazza racconta il nuovo libro, seguendo il filo rosso del desiderio di far luce sui tanti coni d’ombra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *