Taormina capitale della moda del Mediterraneo

TAORMINA (ME) – Il Madeinmedi tra arte e cultura

Il Madeinmedi – Mediterraneo Design & fashion Week – è un momento celebrativo, che disciplina, coordina e promuove lo sviluppo della moda “made in Sicily”. Scenario dell’ottava edizione la splendida città di Taormina, in particolare il Teatro Greco, che, per sette giorni, ha reso la perla dello Jonio protagonista di uno spettacolo di grande creatività, supportando con i suoi incantevoli scenari nuovi talenti, che fanno del mondo della moda un ambito in continua evoluzione. Ricco il calendario dell’edizione 2014, che ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Siciliana, della Camera Italiana Buyer Moda e del White di Milano, salone della moda riconosciuto come polo di riferimento del design italiano e internazionale.

La serata del 6 giugno ha puntato i riflettori sulle collezioni realizzate dagli allievi dell’Harim Accademia Euromediterranea, che hanno focalizzato la loro ricerca su nuovi prodotti tessili, adattati a tagli e strutture tradizionali, per concepire qualcosa di diverso dal consueto, che rompa con schemi obsoleti, efficienti e più facili da indossare, più protettivi e resistenti al tempo stesso. In loro aiuto un brand internazionale: l’YKK, acronimo di  Yoshida Kogyo KabushikiKaisha, il gruppo mondiale degli accessori da chiusura. L’azienda leader incontrastato nel segmento delle chiusure a cerniera, ha così sposato con immediato entusiasmo lo spirito e i valori del Madeinmedi, certa di poter contribuire al trionfo dell’evento. Per l’occasione, infatti, YKK ha messo a disposizione dei fashion designer i suoi prodotti per la realizzazione delle collezioni, che hanno sfilato sulla passerella del Teatro Greco: ricerca e  innovazione, quindi, con cerniere (Zipper), prodotti tessili e plastica (Textile & Plastic), bottoni a pressione e minuterie metalliche (Snap & Buttons). Altro momento della prima serata, la proiezione del cortometraggio YKK dal titolo “Ecdisi”, realizzato dal fashion designer Valentino Fiammetta.

Sotto gli occhi dell’attento parterre, i fashion designers esordienti del mediterraneo, Erika Alì, Sara Anastasi, Ilaria Blanda, Mariangela Castronovo, Annalisa Coco, Luna Cuffari, Giulia Ferrara, Noemi Licciardello, Cristina Nicotra, Stefania Parisi, Francesca Passanisi, Valentina Plumari, Oriana Rinaldi, Valeria Rosso e Silvia Vitali sono stati attenzionati e valutati, in prospettiva di poter continuare la loro formazione con uno stage presso le note aziende di moda partecipanti. Questo il compito principale svolto dal White, che è anche vocazione per lo scouting e soprattutto attenzione alla sperimentazione. “Lo scouting è affidato a un team di esperti nel settore della moda, che lavora instancabilmente all’interno della mia azienda – afferma ai nostri microfoni Alessandro Bizzi, ideatore e fondatore del grande salone milanese -. La commissione studia il brand e analizza la sua distribuzione, al fine di selezionare solo il meglio presente sul mercato mondiale”.  Un punto di riferimento, quindi, non soltanto per i nuovi emergenti, ma per molte aziende nazionali e internazionali che fanno tendenza e ricerca. Il White, nel giro di pochi anni, ha allargato i suoi orizzonti e oggi può contare sulla partecipazione di oltre mille aziende.

Ancora, fra l’attento parterre, Mirko Rizzi per Marsèlleria Permanent Exibition, Marsell, Eurasia srl; Laura Bernasconi, fashion consultant, per varie aziende del settore moda; Antonio Cappelli per Spazio Calabiana; Alessandro Baldi per Les Copains Uomo, Henry Cotton’s, Monocrom k e Nikolas & Mark. “L’obiettivo principale – sottolinea Marco Aloisi, producer dell’evento – è quello di mettere gli allievi dell’Accademia Euromediterranea, che hanno concluso il loro percorso di studi, nelle condizioni di essere selezionati da giurati di altissimo livello, direttori di riviste e direttori creativi di maison di moda”.Tra Arte & Design, la Fashion Week ha presentato altre novità a sostegno dei nuovi talenti emergenti. Ecco spiccare, tra le suggestive viuzze della città, “Catwolk e “Are you ready”, dedicato alle aspiranti modelle e “Shooting in the city”, dove Taormina diventa la protagonista incontrastata. Nella serata del 7 giugno in passerella gli stilisti della Sood Generation: Antonio Attisano, Raffaella Rullini e Rosa Vetrano. A seguire  il Défilé Internazionale con Nabila Jlassi dalla Tunisia, Arzul Kaprol dalla Turchia, Rujji – Collection dalla Libia  Performance Coreutico Teatrale – e Leyre Valiente dalla Spagna. Infine, l’evento conclusivo di domenica 8 giugno, con il Fashion shooting “I love Sicilia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *