Tacopina e il Calcio Catania: Alea Iacta Est, ovvero prendere o patire!

In una cordiale e attenta comunicazione dal sapore di conferenza stampa Mr Joe Tacopina ha presentato ben tre proposte commerciali per rilevare il Calcio Catania. L’interesse principale è quello dell’acquisto del 100% delle quote societarie. In alternativa due altre allettanti proposte (ma sempre con percentuali di maggioranza) per entrare nelle gestione del gruppo di via Magenta. JTn

Il Dado è Tratto! Il noto avvocato siculo-statunitense ha dimostrato il suo concreto interesse per il #CalcioCatania. Nel pomeriggio di oggi l’ex proprietario del Venezia, e con esperienza sul Bologna e Roma, ha incontrato i giornalisti nella hall di un albergo di via Etna in cordiale conversazione.
E’ stata comunicata e ufficializzata dal Gruppo di Tacopina, e la cosa era nell’aria, una proposta formale molto interessante che spiazza alcuni azionisti scettici della SIGI. Il bilancio in rosso è nelle mani di Nicolosi, unico interlocutore accreditato dal gruppo americano, il modo per azzerarlo e farlo crescere è nella mani del magnate Tacopina, che già aveva firmato all’avv. Augello (SIGI) il patto di riservatezza sulle trattazioni societarie.

Proprio in questi giorni il chiaccherato Tacopina (vistosa antipatia dalle righe di Repubblica) aveva mostrato interesse per le sorti dela compagine rossazzurra. “Interessante la tradizione della squadra catanese. Interessante Torre del Grifo. Interessante la Città di Catania e i suoi arancini“, questa la sintesi dell’interesse del gruppo per lo sport cittadino.
E la SIGI? Tacopina nel colloquio cordiale ma preciso, sotto l’occhio attento dell’avvocato Arena, catanese doc e che sa bene dove “si corica l’asino” nel mondo sportivo catanese, ha ribadito, qualora ce ne fosse bisogno, che il principale, se non l’unico, interlocutore è Gaetano Nicolosi, socio di maggioranza dell’ex cordata ora società per azioni, e acquirente salvatrice della matricola sportiva cittadina e che ha messo fine all’era Pulvirenti – Lo Monaco.

JT2nUna cosa è sicura, solo due settimane per aspettare una risposta da SIGI all’offerta allettante, ma a quanto pare, e visti i difficili chiari di Luna nel proseguimento della gestione Calcio Catania – Torre del Grifo (prevista una spesa di circa tre milioni di euro per competenze fiscali e amministrative a breve scadenza) sembra decisamente sicuro che alcune valigie marca SIGI sono già pronte … con i lacci e senza arancini…
Joseph Tacopina, noto come Joe, è un avvocato e dirigente sportivo statunitense con cittadinanza italiana, dal 6 ottobre 2015 al 18 febbraio 2020 presidente e maggiore azionista del Venezia Football Club. A Catania è sostenuto dall’avv. Arena e dal dott. Cusmano. 

Sembra decisamente interessato ad andare fino in fondo all’acquisto del club etneo e ribadisce alle domande degli interlocutori parte dell’ambizioso progetto: “Voglio portare il Catania in Serie A e anche oltre. Con direttore Gardini, il club etneo farà un percorso di crescita simile a quello dell’Atalanta. Ci sono voluti ben due mesi di lavoro amministrativo e conoscitivo prima di presentare questa triplice offerta: una sicura e fattibile per il 100% delle azioni del club e altre due in alternativa come quota di partecipazione (attendibile una proposta al 70% e forse l’altra più del 50% n.d.r.). Nel mio grande progetto desidero che Catania e tutti i tifosi meritino una squadra nelle serie superiori. Ci siamo dati due settimane per la risposta dall’azionariato SIGI, sono ottimista per una buona risoluzione. Non sono venuto in vacanza qui, anche se è tutto bellissimo, ma per poter attuare un progetto ambizioso, serio e fattivo. Ho un grande rispetto per il club, salvato dalla SIGI, e per i tanti e attenti tifosi del Catania che meritano tutto il mio rispetto. Deadline? No, non c’è nessuna deadline”.
Ancora incalzato sulla presenza di tanti soci nella compagnie SIGI: “Sono fiducioso nella SIGI e nel presidente Nicolosi che per me è un grande professionista ed amico. Gli altri soci? … tante teste pensanti, forse troppe“.
Sui tifosi un episodio, che merita essere purtroppo ricordato per il risultato nefasto, ha dato al tycoon Italo-americano un momento di svolta decisionale: “Ero a Roma, vidi un Catania perdere per 7-0 all’Olimpico contro la squadra di casa. Apprezzai moltissimo come la curva nella zona ospiti stracolma di rossazzuro, cantava e incitava la squadra, anche dopo il 5-0 e il 6-0. Lì ho capito cosa significhi l’amore per la squadra di questa città“.

Le domande sono incalzanti, specie sull’eventuale nuovo staff tecnico, e Mr Joe ribadisce Sullo staff tecnico ancora è prematuro parlarne, si devono chiarire alcune incertezza che permangono tra SIGI e noi, quindi se ne parla a cosa fatte. Ho lavorato con personaggi e manager di alto livello e a Catania potrebbe arrivare Giovanni Gardini, ex dg del Verona e già CEO della Lazio e dell’Inter“.

TacoTorre_oA Catania Tacopina è sostenuto dall’avv. Salvo Arena, dal dott. Cusmano e dall’avv. Dario Motta. Nel suo team risultano Dante Scibilia, commercialista ed ex Direttore Generale nel Venezia. Tra le indiscrezioni anche l’ex banchiere Sean Largotta (gruppo Goldman Sachs e Crown Group Hospitality) proprietario di immobili a Londra e New York.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *