Subbuteo, a Catania il torneo internazionale del Calcio Tavolo

Sabato e Domenica si affronteranno giocatori di tutto il mondo sui tavoli del Pala Zurria.

 

Immaginiamo per un attimo una scena che si svolge all’interno di un negozio di giocattoli: un bambino vede un grosso scatolo con disegnati i volti di grandi calciatori e subito chiede al padre, lì accanto a lui, di comprarlo. Il padre, che ben conosce il contenuto di questa “scatola misteriosa”, è felice di accontentare il piccolo. Tutti, chi più chi meno, chi un modo chi in un altro, abbiamo giocato a Subbuteo almeno una volta.

Poter rivivere il gioco del calcio nel proprio salotto di casa, con la possibilità di controllare le miniature con le maglie della propria squadra del cuore, è stata per molti una bellissima occasione per divertirsi con gli amici, magari quando fuori pioveva e in giardino non si poteva dare due calci a un pallone. Ma attenzione, guai a considerare il Subbuteo un semplice gioco da tavolo; perché qualcuno potrebbe offendersi. Chi? I professionisti di questa disciplina, per esempio, che tutte le settimane si allenano per migliorare la tecnica di tiro e di passaggio. Si, perché il Subbuteo è diventato uno sport a tutti gli effetti, ha una sua federazione ( la FISCT, Federazione Italiana Sport Calcio Tavolo) e i suoi campionati. Solo in Italia sono presenti 4 categorie, dalla serie A fino alla D e la nostra Catania può vantarsi di avere una squadra, il Subbuteo Club Catania ( SC Catania), militante in serie B.

Così come nel calcio, anche questa disciplina prevede incontri di Champions League ed Europa League, oltre a competizioni mondiali, con oltre 5000 tesserati in tutto il globo.

Non ha niente a che vedere col gioco che tutti conosciamo – ci spiega il vice presidente SC Catania Giuseppe Panebianco –. La nostra squadra ha perso la serie A nei play off dell’anno scorso, gli ultimi 15 secondi di partita e per noi è stato un duro colpo. Purtroppo per i cosiddetti “sport di nicchia” è difficile affermarsi in una realtà come la Sicilia, ma noi mettiamo tutto l’impegno possibile affinché il Subbuteo possa affermarsi a livelli nazionali”.

Ma resta comunque un’iniziativa molto interessante, soprattutto per chi ha voglia di divertirsi senza impegni che prendano tutta la giornata.

Facciamo solo 3 ore di allenamento settimanale – dichiara il presidente Daniele Calcagno –. Lo sforzo fisico è ridotto al minimo e, di conseguenza, possono partecipare tutte le fasce di età, dai bambini di 8-9 anni fino agli adulti. Purtroppo è difficile trovare sponsor che ci sostengano e, per questo motivo, siamo costretti ad autofinanziarci, nonostante abbiamo una visibilità maggiore rispetto a squadre dilettantistiche di altri sport”.

Si gioca a squadre, su 4 tavoli, facendo poi la media delle 4 partite per stabilire il risultato finale ( se su due tavoli vince la squadra A, in un altro vince la squadra B e nell’altro finisce pari, il risultato finale sarà 2-1 per la squadra A). Una partita si svolge su due tempi da 15 minuti ciascuno ed è concessa una sostituzione tra un tempo e l’altro.

Quest’anno Catania è stata scelta dalla Federazione per ospitare il torneo internazionale di Subbuteo e sono attesi atleti da tutto il mondo. Si svolgerà al Pala Zurria il 4 e il 5 Luglio dalle 10 fino alle 19. Nella speranza che questa disciplina possa cominciare ad essere rivalutata nel mondo dello sport, in Sicilia e soprattutto in Italia.

Magari avremo più bambini che, nei negozi, riconosceranno subito quella grande scatola.

Ecco il video di Globus Radio Station.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *