Sting, The Last Ship: il suo musical chiuso per flop

Terribile e inaspettato insuccesso per l’ex Police, che con il suo primo musical “The Last Ship” non ha decisamente fatto breccia nel cuore del pubblico di Broadway

The Last Ship” può decisamente considerarsi “affondato”.

Il musical, scritto da Sting, che aveva deciso di dare allo show lo stesso titolo del suo ultimo disco, non ha riscosso il successo agognato, patendo una sofferta chiusura ad appena tre (tristi!) mesi dalla prima.

Registrato il dissenso del pubblico già dalle prime serate, Sting – a metà dicembre – pensò bene di vestire i panni del protagonista, nella vana speranza di risollevarne le sorti, dando il benservito all’attore protagonista, Jimmy Niall.

Ma nemmeno questo è riuscito a regalare successo di pubblico.

Fin dalla prima, numerose sono state le critiche contrastanti e decisamente esiguo anche l’incasso al botteghino, che chiuse con circa centomila sterline, contro le duecentocinquantamila che la produzione si aspettava. Un insuccesso dai costi insostenibili: il musical, infatti, è costato ben 15 milioni di dollari di spese fisse e 625mila di spese settimanali, ma sta andando a ritmi di 75mila dollari persi ogni sette giorni.

I produttori del musical, Jeffrey Seller e Kathryn Schenker, amareggiati dalla disfatta, hanno dichiarato ‘Siamo sconcertati e rattristati per non essere stati in grado di garantire un pubblico per questo musical che amiamo profondamente’.

Giunge notizia dalla “BBC” che l’ultima messa in scena dello sfortunato musical si terrà al Neil Simon Theatre di New York il prossimo 24 gennaio.

Un ultimo atto di un flop davvero inatteso, per uno show nato sotto una stella senza dubbio non propizia.

La trama

Il musical racconta di un uomo del Nord Inghilterra che decide di tornare nella sua città natale, che basa tutta la sua economia sui cantieri navali, per ritrovare la donna che aveva lasciato andandosene. Quando scopre che i lavoratori dei cantieri sono ormai disoccupati, decide di costruire con loro una nave per mostrare le loro capacità e il loro orgoglio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *