Stefano Schirò con “Brezi” Poesie e non soltanto…anime al vento e vento nell’anima

In uscita il libro del professore Stefano Schirò dal titolo BREZI in tutte le librerie

FullSizeRender

Il palermitano Stefano Schirò si racconta ai microfoni di Globus Magazine, per l’uscita del suo nuovo libro di poesie dal titolo “BREZI”.

Eclettico e speciale sa dare arte a profusione ma quale e’ il suo vero successo l’insegnamento o la poesia?

“Insegnamento e poesia li pongo sullo stesso podio, entrambi devono segnare, scalfire con dolcezza le menti di chi ascolta o di chi ancora non sa ascoltare”

Vuole ricordare ai lettori del globus cosa insegna e da quanti anni?

“Ho trenta anni e insegno storia dell’arte, materia che mi affascina da quando avevo sei anni circa e andavo a trascorrere ameni pomeriggi osservando le  pitture , dipinti arte e artisti che creavano”

Parliamo del suo libro di poesie dal titolo BREZI io son che cosa significa…perche’ mia nonna  apparteneva alla famiglia piu’ nobile di piana degli albanesi …ma vogliamo spiegare ai lettori che cosa significa BREZI ?

“Brezi è la cintura in oro e/o argento che esorna i vestimenti tradizionali delle donne di Piana degli Albanesi (che in un mio articolo definii “donne vestite”)”

 Tante le belle poesie che si possono trovare all’interno il suo libro ma  chi l’ha ispira?  La musica,  la  natura,  gli amici ?

“L’ispirazione risulta difficile da definire in maniera icastica: può sedurmi un fiore, uno sguardo, un gioiello siciliano, un profumo, una scena di un film di”.

IMG_0293

Vuole  scrivere per intero una poesia  che piu’ di ogni altra la sente come sua?

Ne scelgo due a caso; esse costituiscono tutte allo stesso modo parti Intimissimi del mio sentire, delle lenti con le quali setaccio il mondo, una sorta di “pura visibilità”. Sono molto attratto anche da altre due mie poesie interpretate magistralmente e con il giusto pathos dall’attore Leo Gullotta.”

In progetto altri libri?

“Vorrei pubblicare il romanzo dal titolo “Rrenjat Le radici” con il quale venni selezionato come semifinalista siciliano in occasione del Premio Rai Eri La Giara; spesso la Sicilia ci trascura come scrittori, come eventuali talenti, pertanto urlo il mio appello a qualche editore esplorativo, intuitivo, interessato”.

Mi pregio di scrivere queste due poesie dell’autore che riteniamo  cosi’ belle  da essere lette dai piu’…troverete tante poesie che vi allieteranno il cuore e la ricordate che la Primavera e’ vicina …dondolarsi magari su un’ amaca sotto un albero pieno di fiori e leggere il libro di Stefano…che gioia per il cuore!

IMG_0287

Oggi è sabato mattina c’è il sole Un signore vendeva foto in bianco e nero di molti anni fa -almeno cinquanta sessanta anni fa- a Piazza Marina Il ficus magnoloides, lì accanto, si nutre di arte, così  Mi piaceva la madama cezanniana con un tailleur bianco ed accanto un signore, su un balcone -suo marito? Suo fratello? Un giovane zio?- Bastavano solo 50 centesimi per ricostruire una storia, una genealogia, un atto d’arte Ed io distratto, glissavo cercavo solo il profumo di Emanuela.

Di che grazia intinse i pennelli, Giorgio?di monastico clamore e burro colorato Un lussuoso blu un color caramello teso dinastia di bianchi e di ombre Costante a divorare luce afflati di nostalgia E la vestaglia immobile, ancora lì dagli anni cinquanta.

Troverete Stefano Schiro’ su Facebook e presto vi daremo notizie di   pomeriggi culturali dove verranno presentate le sue poesie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *