“Sposato senza figli”, la commedia siciliana al Teatro ABC

In scena dal 24 al 27 ottobre presso il Teatro ABC di Catania, “Sposato senza figli”, lo spettacolo teatrale in chiave comica, con la regia di Eduardo Saitta.

72843532_2317408311701368_5986023794496503808_o

Si è aperta la stagione dei “Saitta”, giovedì 24 ottobre alle ore 21:00, al Teatro ABCcon la commedia siciliana “Sposato senza figli”. L’obiettivo dello spettacolo è di divertire il pubblico, ma al contempo dar spunto di riflessione su fatti che accadono realmente nella vita di tutti i giorni. I temi trattati sono l’amicizia e l’amore, i quali sono fortemente legati ed importanti nella società, ma che potrebbero comunque anche generare confusione per via della loro fusione durante lo sviluppo della vicenda.

Una storia alquanto bizzarra che travolge le vite dei quattro amici Sansone (Massimo Procopio), Anna (Lucia Debora Chiaia), Carla (Loredana Scalia), Maria (Eleonora Musumeci) e Padre Lorenzo (Eduardo Saitta). 

Il regista e attore Eduardo Saitta, ha dichiarato: «Se avessi scritto questa commedia 20 anni fa avrebbe fatto parlare molto di più, in senso di famiglia allargata, di tradimenti, di bugie. Oggi una storia del genere potrebbe invece rientrare nella normalità del quotidiano sempre più ricco di colpi di scena. Scriverla oggi è stato un divertimento e se divertimento lo è stato per me che l’ho scritta, divertimento dovrebbe essere per chi la guarda, oltre che per chi la fa.»

Come d’abitudine spazio poi alla tradizione con “Lu Matrimoniu ‘ntra la Civita”, commedia corale in scena a novembre e “L’altalena”, uno dei classici più riusciti di Martoglio da sempre cavallo di battaglia della famiglia Saitta, in programma a maggio 2020 per la chiusura di stagione. Riprendendo il filo cronologico della stagione, dopo “Lu Matrimoniu ‘ntra la Civita” si tornerà, a gennaio 2020 all’estrema attualità con “Generazioni a confronto”, commedia al femminile nella quale i temi scottanti dell’attualità andranno a mischiarsi con la realtà di una famiglia matriarcale in cui non mancheranno scontri ed incomprensioni pronte a risolversi nel più classico dei lieto fine.

75328747_405983220339242_4673307159763615744_n

Un cartellone ricco e variegato, di questa stagione teatrale. Dopo il successo de “Il malato immaginario”, Eduardo Saitta ha pensato di riservare per sé l’interpretazione del protagonista “Le furberie di Scapino” opera popolare francese tradotta in lingua siciliana dalla prolifica penna dello stesso protagonista. Il sogno è invece destinato a prendere il posto della realtà in “Segreti di famiglia”, testo all’interno del quale la comicità scaturirà da alcuni fraintendimenti nati in famiglia per via di sogni fin troppo verosimili.

Il 24 ottobre è la Giornata Mondiale della Polio e lo spettacolo ha sposato il progetto “Endpolionow“, che si impegna per vaccinare i bambini e combattere questa malattia, che tutt’oggi non è stata del tutto debellata, ma che è ancora presente in Afghanistan e Pakistan.

TRAMA

Protagonisti della storia, cinque amici. Anna e Sansone sono sposati da dieci anni e non hanno ancora figli, ma Sansone ha una storia parallela da dieci anni con Maria, la quale cerca di convincere l’amante per mettere le cose in chiaro. Una storia segreta, che i due amanti cercano di mantenere in segreto. Carla, invece, la quale non ha stabilità lavorativa, si imbatte in un insolito mestiere, ovvero quello della centralinista di una linea erotica. Il concepimento dei bambini, avvenuto in prossimità della notte di Natale, coincide pure con il compleanno di Padre Lorenzo. Maria rimane incinta di Sansone, Anna, invece, del vicino di casa e non del marito. Tutte si confidano con Padre Lorenzo che, pur impegnandosi per mantenere i segreti, non riesce a tenere ben a mente i particolari, iniziando a far confusione nelle vite delle tre donne. Il risvolto finale della storia sorprenderà e sembrerà apparire risolutivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *