“Io sostengo l’autismo”, associazione Bambini speciali onlus

 

L’allarme delle famiglie che lamentano, negli ultimi mesi, una drastica riduzione delle prestazioni previste, mentre le liste di attesa si allungano. A Messina, sabato 28 ottobre p.v., un gazebo nella zona nord di Piazza Cairoli, dalle 9.00 alle 18.00

Senza-titolo-e1500303744305

L’associazione Bambini Speciali onlus, costituita da genitori di bambini autistici, presieduta da Marco Bonanno, ha dovuto registrare, con profondo rammarico, l’allarme delle famiglie che lamentano, negli ultimi mesi, una drastica riduzione delle prestazioni previste, mentre le liste di attesa si allungano. Per cercare di dare una prima risposta concreta ai bambini che ancora aspettano le cure richieste, a cui peraltro hanno diritto, ha deciso di organizzare a Messina, per sabato 28 ottobre p.v., un gazebo nella zona nord di Piazza Cairoli, dalle 9.00 alle 18.00, per sensibilizzare la cittadinanza. In contemporanea i volontari dell’associazione, si recheranno presso gli esercizi commerciali della zona, e a coloro che dimostreranno particolare sensibilità rilasceranno un adesivo da affiggere, debitamente autorizzato dall’amministrazione comunale, contenente il logo dell’associazione e la dizione “Io sostengo l’autismo”. Inoltre aderendo al CnAMC di CittadinananzAttiva, ha affidato a quest’ultima la delega a confrontarsi con tutte le istituzioni che si occupano di autismo. Per affrontare il problema autismo in modo coordinato, CittadinanzAttiva ha chiesto infatti al direttore DSM ASP di Messina, dott. Antonino Ciraolo, la convocazione a tutti i soggetti istituzionalmente coinvolti con la seguente nota:

“Si da atto che l’ASP di Messina, attuando il “Progetto PSN di Diagnosi e Trattamento Intensivo precoce per bambini con Disturbo Autistico (DiATIP)”, è l’unica Azienda Sanitaria in Sicilia ad avere attuato tra i Servizi dedicati per l’autismo, come previsto dal D.A. 1/2/2007 (GURS n.9 del 23.2.07), a valere sui fondi AUTISMO (0,1% del bilancio aziendale) il Centro per la diagnosi ed il trattamento intensivo precoce e due Centri diurni per adolescenti affetti da Disturbo autistico.

Ciò premesso negli ultimi mesi abbiamo dovuto registrare l’allarme delle famiglie circa una drastica riduzione delle prestazioni fin qui offerte, peraltro previste dal D.A. 10.1.2011, secondo il quale il Centro gestito dalla Neuropsichiatria Infantile dell’ASP deve assicurare almeno 10 trattamenti giornalieri nell’ambito degli interventi intensivi integrati ambulatoriali e domiciliari e di Parent Training. E questo avviene nonostante che la Circolare Assessoriale n° 12 del 3 Dicembre 2015 preveda che, “tra i Servizi dedicati il suddetto Centro per la diagnosi ed il trattamento intensivo precoce riveste particolare rilevanza e che le risorse pari ad almeno lo 0,1 % delle somme poste in entrata nel bilancio annuale aziendale siano prioritariamente destinate ad assicurare la piena funzionalità del Centro” ma di tale somma, oltre 900 mila euro, a noi risulta che al Centro vengono destinati solo poco più di 90.000 euro l’anno. Oggi si aggiungono iniziative assunte per affrontare questa problematica, dalla ricerca a quant’altro, da soggetti istituzionali aventi titolo ma in modo autonomo e per questo scoordinato, mentre la dimensione del fenomeno necessita del massimo coordinamento per aversi risposte valide ed adeguate. Tutto ciò premesso, CittadinanzAttiva auspica quindi un incontro con tutti i soggetti istituzionali che si occupano di autismo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *