Solar Impulse, l’aereo di Icaro ‘Across The USA’

Attraversando i cieli degli Usa atterra a New York Solar Impulse, l‘aereo solare. Ai comandi due svizzeri, Bertrand Piccard e André Borschberg, che durante la missione hanno alternato il pilotaggio. 

New York – L’aereo sperimentale a energia solare Solar Impulse, pilotato da due svizzeri, è atterrato a New York, completando così la sua traversata degli Stati Uniti, Coast to Coast, e senza consumare una goccia di carburante.
Decollato da Washington DC il 7 Luglio ha completato l’ultima tappa atterrando all’aeroporto JFK alle 23:09 locali (le 05:09 italiane), con almeno un paio d’ore di anticipo sull’orario previsto a causa di uno squarcio su un’ala. 

Aereo solare "Solar Impulse" (Ap)

Aereo solare “Solar Impulse” (Ap)

Il velivolo è decollato il 3 maggio dal Moffet Air Field della Nasa, vicino a San Francisco, compiendo la prima tappa fino a Phoenix, in Arizona. Poi è volato a Dallas (Texas), quindi a Saint Louis (Missouri) poi a Cincinnati (Ohio) per poi fare base a Washington, dove è rimasto fermo dal 16 giugno.
L’ultima tappa è stata anticipata di alcune ore per via di uno squarcio rilevato su un’ala, che però, secondo i tecnici, non ha fatto correre pericoli al pilota di turno, André Borschberg, che durante la missione ha alternato il pilotaggio con Bertrand Piccard, famoso perchè nel 1999 ha viaggiato in tutto il mondo in mongolfiera senza un atterraggio.
L’aereo, che può viaggiare di note, ha un apertura alare di 64 metri, quattro motori a elica propulsi da batterie solari con l’energia immagazzinata di giorno dalle 12.000 cellule solari posti sulle grandi ali, che hanno la superficie di quelle di un Jumbo ma che sostengono un velivolo il cui peso complessivo è pari a quello di una grossa automobile.

Il velivolo ha la stessa apertura alare di un Airbus A340 – 63,4 mt., peso 1,6 tonnellate. 
I creatori di Solar Impulse hanno con successo testato la sua capacità di volare anche di notte utilizzando l’energia solare immagazzinata per giorno. 
Tale test in notturno di “Solar Impulse” ha avuto luogo nel 2010, dopo aver fatto un volo di 26 ore nei cieli sopra la Svizzera.
Il primo volo internazionale è stato poi nel 2011, dopo aver trascorso 13 ore in aria dopo il lancio, il primo intercontinentale è avvenuto nel 2012.
L’equipaggio spera di viaggiare in tutto il mondo nel 2015, ma questo richiede un modello più avanzato del velivolo.
Secondo i media locali, lo scopo del “tour” americano di Solar Impulse, che avrà un costo di $ 2,7 milioni, è quello di trovare le aziende che vogliono investire in questo progetto.
  (fonti Nasa, Solarimpulse.com, ansa.it, Novosti.ru, Quotidiano.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *