I signori del calcio: José Mourinho, l’asso di coppe

Il tecnico portoghese è uno dei più vincenti al mondo, avendo fatto le fortune di club come Porto, Chelsea, Inter e Manchester United

Mourinho

“Please don’t call me arrogant, but I’m European champion and I think I’m a special one”. E’ davvero difficile trovare un appassionato di calcio, tifoso di una squadra o semplice simpatizzante, che non riesca a identificare chi sia l’autore della frase qui riportata. Qualora ce ne fosse bisogno però vi diamo un suggerimento: quattro volte allenatore dell’anno IFFHS, due Champions, due Coppe Uefa, diverse vittorie in coppe e campionati nazionali che danno vita a una bacheca non esattamente da “pirla” (per citare un’altra sua frase molto famosa).

Stiamo parlando ovviamente di José Mourinho, allenatore tra i più discussi e vincenti dell’ultimo decennio che quella bacheca in parte qui descritta continua ad arricchirla ogni anno di premi e riconoscimenti di varia natura. Poco importa di che competizione si tratti o in che paese si svolga, il portoghese in breve tempo riesce sempre a creare squadre che regalano grandi soddisfazioni. Lo fece in Portogallo con quel Porto con cui riuscì a vincere tutto ciò che si poteva; continuò al Chelsea dove arrivò il secondo titolo della storia dei Blues con il record di 95 punti in stagione e poi Coppa di Lega, Community Shield, Coppa D’Inghilterra e secondo titolo consecutivo; poi ci fu il periodo all’Inter con quell’ormai storico ‘Triplete’; infine fu il Real Madrid ad affidargli la panchina a cui riuscì a far vincere campionato, Coppa e Supercoppa ma non quella tanto ambita Champions che arrivò poi nella capitale spagnola solo grazie a Carlo Ancelotti.

Dopo l’esperienza sulla panchina del Real arrivò poi nella vita dello stratega portoghese una scelta di cuore: il ritorno allo Stamford Bridge per tornare ad allenare quel Chelsea di Abramovic che nove anni prima lo aveva portato in I nghilterra. Ad oggi i ‘Blues’ hanno già portato a casa il primo titulo ( altro riferimento che sicuramente non vi sarà nuovo…) della stagione (la Coppa di Lega vinta in finale contro il Tottenham) e si trovano in testa in Premier. Tutto magnifico se non fosse già arrivata una terribile macchia su quel curriculum apparentemente così immacolato: la corsa alla Champions del suo Chelsea infatti è stata bruscamente interrotta agli ottavi per mano dei francesi del PSG. E allora – penserete voi – come si può celebrare un allenatore la cui squadra, considerata tra le favorite per la vittoria della competizione, è stata eliminata nel primo turno della fase ad eliminazione diretta? Perché qui non si parla di un allenatore qualsiasi, si parla di José Mourinho. Lo stesso José Mourinho che è l’unico allenatore al mondo ad aver vinto i campionati di Inghilterra, Spagna e Italia, lo stesso José Mourinho capace di vincere in ben quattro nazioni diverse (alle tre sopra citate va aggiunto il Portogallo) come solo altri tre prima di lui sono riusciti a fare, lo stesso José Mourinho che è tra i cinque maestri di questo sport che sono riusciti a portare a casa la Champions con ben due squadre diverse. E allora non ci si stupisce delle imitazioni in radio e in TV, delle continue attenzioni mediatiche, degli insulti e degli elogi e nemmeno uno studio apposito.

Perché Mourinho è così, o si odia o si ama, non esistono vie di mezzo. Lo sanno le squadre avversarie con cui l’allenatore non è mai stato particolarmente delicato né sul campo né fuori da esso e lo sanno i tifosi dell’Inter che probabilmente sperano che un giorno non troppo lontano il portoghese possa fare la scelta di cuore che lo ha già riportato sulla panchina del Chelsea e quindi di rivederlo a Milano. Questioni di gusti e simpatie- antipatie insomma ma, del resto, a chi gli chiedeva perché a molti risultasse così “antipatico”, lo Special One rispose con un “Nemmeno Gesù piaceva a tutti, figuriamoci io”. Mai banale. Un dato oggettivo però c’è: Mourinho è il “re di coppe”. Non c’è paese in cui vada in cui non porta a casa un trofeo, una media davvero impressionante con quasi una competizione vinta aggiunta alla sua personale bacheca ogni anno dal 2003 ad oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *