“Il signor dopodomani” ritorna al Teatro dei 3 Mestieri

Giovedì 19 aprile ore 21.00 lo spettacolo che lo scorso ottobre ha inaugurato la stagione teatrale “Con nuovi occhi”, protagonista l’attore Stefano Cutrupi1 - Copia

Ritorna al Teatro dei 3 Mestieri “Il signor dopodomani- L’indicibile sproloquio di un condannato a vivere” del regista Roberto Bonaventura, spettacolo che lo scorso ottobre ha inaugurato la stagione teatrale “Con nuovi occhi”.

L’intenso monologo, che ha il testo di Domenico Loddo con protagonista l’attore Stefano Cutrupi, sarà in scena giovedì 19 aprile alle ore 21.00. Nei prossimi giorni “Il signor dopodomani” sarà in Calabria per una mini tournée.

Presentazione:

Indicibile nota

Di A Da In Con Su Per Tra Fra.

La vita non è una preposizione semplice. Piuttosto, è una preposizione decisamente articolata, financo disarticolata, che da una pre-posizione eretta ci conduce ad una post-posizione coricata, e finisce il teatro, si spengono le luci, si chiude il sipario. In mezzo, l’abuso sulla nostra impotenza. Il sangue ci lega, il coito ci tramanda, la terra ci accoglie. E il mondo continua a compiersi senza la nostra presenza. Quindi, cosa vuole ancora il protagonista del nostro monologo da questa terribile meraviglia che è la vita? Si presenta in scena vestito con un vecchio frac, e ci parla da un lontano luogo della sua memoria. Anzi, non parla a noi, ma registra un messaggio per il suo grande amore, durato una eternità di soli tre anni, e mai più dimenticato.

“E poi… poi c’eri Tu. Tu, stramaledetta Tu!! C’eri, perché non ci sei, non ci sei stata più, e mai ci sarai ancora. Tu, Ada, mi hai lasciato. Mi hai lasciato senza Ada. Dio quanto ti ho amata. E l’ho fatto, credimi, ti ho amata tutta, troia!, dalla testa ai piedi. Eravamo mischiati l’un l’altra: spalle, braccia, anche, cosce, seni, lingue, labbra, grandi labbra, cazzo, anime. Eravamo un unico corpo senza confini. Non era mai chiaro dove cominciavo io e finivi Tu. C’era la complicità del groviglio, la serietà del gioco…” Ada si è portata via la sua felicità, e lui ha trascorso i giorni a venire senza più riuscire a viverseli per come avrebbero meritato. Prima che scomparisse per sempre, di lei gli è rimasta soltanto una audiocassetta, con dentro canzoni, voci e rumori dei loro anni insieme, ultima testimonianza di ciò che era stato il loro meraviglioso amore.

Cosa si ostina a cercare, il nostro uomo in frac? Una vendetta!

Implacabile, feroce, definitiva, affinché lo salvi finalmente da tutto quel suo immenso dolore.

Il SIGNOR DOPODOMANI

L’indicibile sproloquio di un condannato a vivere

Un monologo di Domenico Loddo

Con Stefano Cutrupi

Regia Roberto Zorn Bonaventura

Aiuto Regia Marcantonio Pinizzotto

Elementi scenici Carlo Omodei

Costumi Aurora Melito

Foto di scena Giuseppe Contarini

Locandina Riccardo Bonaventura

Si ringrazia Diletta di Bartolo e Ignazio Magazzù

Produzione Teatro dei 3 Mestieri

Giovedì 19 Aprile ore 21,00  al Teatro dei 3 Mestieri

S.S. 114 km 5,600 Via Roccamotore

Importante la prenotazione: 090.622505 – info@teatrodei3mestieri.it – www.teatrodei3mestieri.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *