Sicilia Expo 2015 – Bio Mediterraneo: Roma una sera all’insegna dei prodotti siciliani

Il contributo dei Gruppi di Azione Locale (GAL) per la promozione del territorio siciliano e delle sue produzioni agroalimentari. Roma, giovedì 8 maggio 2014, ore 17,30, all’ Istituto per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera Vincenzo  Gioberti, Via della Paglia, 50, Roma  (Trastevere)

Settore agroalimentare e sua competitività, organizzazione della filiera corta, marketing territoriale, tracciabilità dei prodotti secondo nuove tecnologie e protocolli di qualità, tutto questo in una serata che, alla fine, avrà al centro una favolosa cena di gala. Fra i tavoli, protagonista sarà il Violetto ramacchese, specie pregiata di carciofo, insieme a tanti altri prodotti tipici siciliani, tutti uniti in sinfonie di gusto al piatto. Preparazione a cura dei futuri capocuochi e chef de rang dell’Istituto che ospita l’evento, sotto la guida dello Chef Claudio Matrecano.

L’8 maggio Roma diventerà per una sera capitale dei prodotti d’eccellenza siciliani, della riorganizzazione dell’offerta isolana, delle nuove possibilità che si stanno mettendo in campo per garantire al consumatore finale il mezzo per conoscere in quale territorio è “cresciuto” un prodotto, dove è stato coltivato, allevato, l’identikit dell’allevatore-coltivatore, l’offerta turistico-archeologica degli stessi luoghi. Insomma, un’informazione a tutto campo.

Giovedì 8 maggio, alle 17.30, l’Istituto alberghiero “Gioberti” su iniziativa del GAL Kalat Est  per la promozione del territorio siciliano e delle sue produzioni agroalimentari, ospiterà il convegno «Sicilia Expo 2015 – Bio Mediterraneo» e darà vita al banchetto finale.

È un progetto ambizioso che rilancia la “ruralità” culturale attraverso una rete di cooperazione tra i territori. In questi anni, la cooperazione tra i Gruppi di Azione Locale (GAL), il loro consorzio, Agenzia per il Mediterraneo, e altre Istituzioni ha consentito di avviare i primi interventi per valorizzare e promuovere l’offerta territoriale della Sicilia, anche attraverso il portale www.ruralitamediterranea.com, con il Marchio collettivo di qualità internazionale «Ruralità Mediterranea», nonché di organizzare la filiera corta e la «Rete di aree mercatali e vetrine promozionali» operanti in regime di vendita diretta, col valore aggiunto della tracciabilità e dei protocolli di qualità, e la relativa strategia di marketing territoriale.

In continuità con quanto realizzato, il convegno è l’occasione per una riflessione sulle strategie possibili e sui nuovi strumenti d’intervento per mettere in rete le molteplici e diversificate iniziative ricettive, le produzioni tradizionali e le preparazioni enogastronomiche, le risorse culturali e ambientali, in base a criteri di qualità condivisi, in un’ottica del rafforzamento dei risultati, al fine di aumentarne visibilità, con l’auspicio di condividere un comune percorso verso l’Expo 2015, per il rilancio dell’agroalimentare e della sostenibilità ambientale.

Un processo sinergico a circuito diretto,  tra produttori e consumatori protagonisti di un’offerta che attraverso strategie di marketing e una filiera “veloce”, perché alleggerita nei passaggi, garantisce la qualità dei prodotti attraverso protocolli di qualità, tracciabilità degli stessi. La ricaduta sul territorio sarà la valorizzazione e promozione dei diversi settori: ospitalità, agroalimentare ed enogastronomica, produzioni artigianali, riscoperta culturale delle aree rurali, nonché delle imprese rappresentative del territorio.

Programma

 

17.30   Registrazione partecipanti

17.45   Apertura dei lavori

Franco Zappalà – Sindaco di Ramacca

18.00   Interventi

«Il GAL, quale organismo intermedio per l’attuazione delle politiche di sviluppo locale»

Alessandra Foti – Presidente GAL Kalat

«Offerta territoriale integrata, situazione attuale e prospettive»

Massimo Ciarrocca – Presidente Cogea Srl – Consulenti per la gestione aziendale

«Verso l’Expo 2015: competitività del settore agroalimentare, organizzazione della filiera corta e strategie di marketing territoriale»

Michele Germanà – Presidente Agenzia per il Mediterraneo

19, 00 Conclusioni

On. Giuseppe Castiglione – Sottosegretario di Stato – Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

 Carlo Haussman – Direttore Romana Mercati – CCIAA di Roma

Modera Carla Parolari

Dirigente Istituto per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera Vincenzo  Gioberti

19,15   Discussione

20,00   La cena, curata dello chef Claudio Matrecano, è a base di prodotti tipici siciliani forniti dalle aziende del territorio indicate di seguito:

Carciofi:                    Cooperativa Violetto ramacchese -Ramacca  (Ct)

Asparagi sovrani:      Consorzio asparago sovrano-Piazza Armerina  (En)

Limoni e arance:        O.P. Rossa di Sicilia- Caltagirone (Ct)

Pecorino D.O.P:         L’antica tenuta Malerba – Castel Di Judica (Ct)

Dolci tipici:               Pasticceria Barcellona-Ramacca   (Ct)

Vini:                          Azienda vitivinicola  Judeka- Caltagirone (Ct)

Pane:                         Panificio Mirci – Ramacca (Ct)

Frutta secca:            Terre del Mendolito Srl – Adrano (Ct

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *