Serie A: volano le prime tre, tonfo Palermo

I rosanero crollano per 4-1 ad Udine dopo essere passati in vantaggio. Vincono invece le prime della classe, eccezione fatta per Inter e Lazio bloccate da Torino e Cagliari

roma

Giornata di conferme e… intoppi. Come quello trovato dall’Inter in occasione dell’anticipo delle 18 di sabato: i nerazzurri, reduci dall’incredibile 7-1 ai danni dell’Atalanta, vengono fermati dal Torino in casa degli uomini di Mihajlovic. Partita che termina col punteggio di 2-2. Vittoria invece sabato sera per l’altra milanese, il Milan, che trova 3 punti che danno un nuovo slancio per la corsa all’Europa superando per 1-0 un Genoa sempre più in crisi.

Nella gara dell’ora di pranzo va in scena invece il ritorno di Maurizio Sarri ad Empoli: il Napoli va subito in vantaggio e si porta sullo 0-3 grazie ai soliti Mertens-Insigne, i padroni di casa accorciano le distanze ma non vanno oltre ad un 2-3 che aveva fatto sperare nell’impresa. Vittoria, seppur risicata, anche per la Juventus che continua la propria marcia verso il titolo superando per 0-1 la Sampdoria grazie a Cuadrado. Vince anche la terza squadra di vertice, la Roma, che nel posticipo serale si impone con un netto 3-1 ai danni del Sassuolo nonostante lo svantaggio iniziale.

Dopo il tonfo della scorsa giornata si rialza l’Atalanta: la “Dea”, trascinata da solito “Papu” Gomez si impone per 3-0 su un Pescara con cui neanche Zeman sembra poter fare miracoli. Vittoria netta anche per il Bologna che passa prima in svantaggio contro il Chievo (goal di un altro ex Catania, Castro) e poi dilaga vincendo per 4-1. Inciampa invece la Lazio che non va oltre lo 0-0 in casa di un Cagliari che ferma così una delle squadre più in forma del campionato. I sardi erano stati gli ultimi avversari della Fiorentina che, proprio come contro i rossoblu, trovano i tre punti anche contro il Crotone grazie a una rete di Nikola Kalinic in “zona Cesarini”.

Infine ennesima sconfitta per il . I rosanero vanno in vantaggio a Udine sognando un gran risultato, prima di subire quattro reti e di perdere così la partita. Se l’unica consolazione appare essere le mancate vittorie di Pescara, Empoli, Crotone, la corsa alla salvezza dei siciliani sembra farsi sempre più dura e difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *