Serie A, Palermo – il copione non cambia: prima il vantaggio, poi il crollo

La formazione di Diego Lopez cade anche a Udine. Le distanze dall’Empoli restano invariate, le speranze si assottigliano sempre di più.

palermocalcio.it

palermocalcio.it

Continua il periodo nero del Palermo, che cade anche ad Udine per 4-1. Terza sconfitta consecutiva per la formazione di Diego Lopez, che ha vinto solo una delle ultime undici partite. Le distanze dall’Empoli restano invariate, considerata la sconfitta della formazione toscana contro il Napoli, ma sette punti da recuperare a nove giornate dal termine sembrano una montagna troppo ripida da scalare, specie per l’incapacità di modificare un trend negativo sin da agosto.

Palermo che passa in vantaggio al 12′ con Sallai. Una rete che sembra poter fare da preludio ad un pomeriggio finalmente positivo. Ma la doccia gelata arriva sul finire della prima frazione, quando Thereau firma il pareggio. Nella ripresa è dominio friulano: Zapata porta in vantaggio i bianconeri, prima che De Paul sigli il 3-1. Nel finale, c’è tempo per un cartellino rosso sventolato all’indirizzo di Diamanti e per il definitivo 4-1 firmato Jankto.

MARCATORI: 12′ pt Sallai, 41′ pt Thereau, 59′ st Zapata, 67’st De Paul, 80′ Jankto

UDINESE (4-3-3) – Scuffet 6,5, Widmer 6, Danilo 6, Angella 6, Samir 6 (73′ st Heurtaux 6) , Badu 6,5, Hallfredsson 6, Jankto  6,5 (84′ st Kums s.v.), De Paul 7, Zapata 7,5, Thereau 7 (58′ st Perica 6,5). Allenatore: Luigi Delneri.

PALERMO (3-4-1-2) – Posavec 5,5 , Cionek 5 (63’st Balogh 5), Gonzalez 5, Goldaniga 5,5, Morganella 5,5, Chochev 5,5, Gazzi 5,5, Aleesami 6 (63′ st Pezzella 5,5), Diamanti 5,5,  Nestorovski 5 (81′ st Jajalo s.v), Sallai 6. Allenatore: Diego Lopez.

ARBITRO: Maresca di Napoli

NOTE: ammoniti Thereau, Gazzi, Hallfredsson, Danilo, Morganella. Espulso Diamanti per gioco violento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *