Serie C, il Catania batte la Cavese di rigore

Basta Andrea Mazzarani dagli undici metri agli etnei per sbloccare e archiviare il match contro la Cavese

Cattura

Tre punti importanti per riprendere fiato e cercare di respirare almeno un po’ in un periodo che sia dentro, che fuori il terreno di gioco è tutt’altro che roseo per la squadra di Via Magenta. Il Catania batte in trasferta la Cavese (sul campo della Juve Stabia) grazie alla rete segnata allo scadere del primo tempo da Mazzarani su calcio di rigore. Una buona prestazione da parte dei ragazzi di Lucarelli, che hanno saputo amministrare il vantaggio ottenuto e hanno gestito al meglio le energie senza commettere errori per tutto il corso dei novanta minuti. Nella ripresa spazio anche per Belec, attaccante svincolato dal Rieti che si è saputo dimostrare utile al reparto offensivo rosso-azzurro.

PRIMO TEMPO

Gara particolarmente equilibrata nel corso della prima frazione di gioco con le due compagini che cercano di trovare il varco giusto negli ultimi sedici metri per affondare il colpo e sbloccare il match. La prima occasione ghiotta della partita si presenta ai ragazzi di Lucarelli, i quali con Biondi, al diciannovesimo minuto, colpiscono un palo a porta completamente sguarnita. Primo brivido per la difesa bianco-blu che non subisce il colpo psicologico e prova a far male con Sainz-Maza pochi istanti dopo. Non succede granché nei minuti successivi fino al quarantaduesimo, quando il solito Biondi conquista il calcio di rigore che permetterà alla squadra etnea di portarsi in vantaggio a pochi giri di orologio dal termine dei primi quarantacinque minuti.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa si mantiene l’andamento equilibrato della prima parte della gara. Nei primi venti minuti non accade nulla degno di nota. Nell’ultimo quarto d’ora, invece, è la rosa ospitante ad avere per lo più il possesso palla oltre la linea mediana, cercando di mettere in alle corde gli etnei, ma la compattezza odierna della difesa del Catania permette ai rosso-azzurri di riuscire a resistere fino al triplice fischio del direttore di gara, in modo da tornare in Sicilia con tre punti pesantissimi per smuovere una classifica che si era imbalsamata da qualche settimana nella parte sinistra del tabellone.

Per il Catania si tornerà già in campo giovedì pomeriggio, allo Stadio Angelo Massimino, dove arriverà la Ternana nella sfida valida per il ritorno della semifinale di Coppa Italia di Serie C. I ragazzi di Lucarelli saranno chiamati nel provare un’impresa dove bisogna rimontare due reti per pareggiare il conto alla compagine umbra.

Difficile sì, ma impossibile no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *