Serie C, la Juve Stabia perde a Catania dagli undici metri

La cura Novellino sta portando i suoi frutti, i rosso-azzurri superano di misura la capolista Juve Stabia e tornano a sperare nella rimonta al primo posto

53405316_2116820765020934_6714563033739296768_o

Bellissima gara equilibrata quella andata in scena questo pomeriggio sul terreno di gioco dell’Angelo Massimino di Catania dove i padroni di casa di Walter Novellino hanno battuto per 1-0 la Juve Stabia di Fabio Caserta, ancora senza sconfitte in questa stagione.

Match sul filo del rasoio dal primo all’ultimo minuto, con le vespe che approcciano meglio dei rosso-azzurri l’avvio del gioco, cercando di impensierire la retroguardia etnea attraverso gli inserimenti per vie centrali di Paponi e Torromino. La difesa ospitante, però, si dimostra compatta e preparata agli affondi dei gialloblu e, le incursioni avversarie vengono sventate senza grosse difficoltà. Al decimo minuto arriva l’azione che cambia il match. Marotta viene innescato su cross da Di Piazza e successivamente steso all’interno dell’area di rigore da Marzorati. Per l’arbitro non ci sono dubbi. Calcio di rigore. Dal dischetto si presenta il solito Ciccio Lodi, il quale batte Branduani e porta avanti i propri compagni mettendo la sfida in discesa per i rosso-azzurri.

Il Catania non molla, Marotta e Di Piazza cercano di sfruttare i buoni (ma talvolta lenti) inserimenti di Baraye negli ultimi sedici metri ma senza trovare successo. La Juve Stabia prova ad affondare ma la solida difesa etnea non si fa trovare impreparata. Prima frazione di gioco che termina con il parziale di 1-0 in favore della compagine ospitante.

Nella ripresa non cambia la regia del match. La gara si svolge principalmente a centrocampo con le rispettive linee mediane pronte a darsi battaglia pallone su pallone. Fra le file del Catania subentra Manneh al posto di un ritrovato (anche se non del tutto dal piano fisico) Marchese e, Carriero che sostituisce un Bucolo abbastanza compatto e giusto per questo tipo di partita. I cambi danno benefici al Catania sia dal piano mentale sia da un punto di vista strettamente fisico, con molti che non riuscivano più ad “arare” il campo. Esordio al Massimino anche per il numero 29 Valeau, il quale prende il posto di Lodi a dieci minuti dalla fine. Buona la prestazione del giovane difensore romano, capace di dar maggiore velocità a poco dalla fine al centrocampo etneo.

Triplice fischio e vittoria per i rosso-azzurri contro la capolista di questo Girone C di Serie C e seconda vittoria consecutiva per mister Novellino. Adesso subito a pensare alla sfida di domenica prossima, a Reggio Calabria, contro i padroni di casa della Regina per non mollare la presa dalle vespe e dal Trapani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *