A SAN GREGORIO GLI ECHI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Ritrovati nell’antico palmento di Via Terzora 3 pezzi di artiglieria per cannoni tedeschi antiaerei.

Pezzi artiglieria (2)

SAN GREGORIO – Sono stati ritrovati, nella giornata di ieri, tre pezzi di artiglieria da 88 mm per cannoni antiaerei tedeschi nel terreno del vecchio palmento del 1882 di Via Terzora. Ad avvisare i carabinieri della stazione di San Gregorio, la Polizia locale, il sindaco, e i tecnici del Comune è stato il proprietario del terreno, barone Spitaleri che durante lavori di ripulitura della sterpaglia per l’avvicinarsi dell’estate, ha visto venir fuori dal terreno tre di questi grandi proiettili.

I lavori sono stati subito sospesi e sul luogo si sono precipitati i carabinieri della locale stazione, il comandante della Polizia locale, commissario Mario Sorbello e altri graduati, il sindaco, Carmelo Corsaro, l’assessore ai lavori pubblici, Salvo Cambria, l’assessore Giovanni Zappalà, l’ing. Vito Mancino, il consigliere comunale Roberto Pedalino.

«Durante la seconda guerra mondiale  – ha ricordato il sindaco, Carmelo Corsaro – il Palmento di Via Terzora, complesso rurale costituito da cantina, casa rurale e corte annessa, di interesse etno-antropologico particolarmente importante, unico a doppio torchio latino nella zona, è stato sito di postazione militare italo-tedesca. Nell’attiguo palmento fu installata una postazione antiaerea e anti navale con appena pochi uomini ma capaci da tenere a bada il cannoneggiamento delle navi anglo-americane nelle baia di Catania nel luglio del 1943. Ancora oggi gli anziani del paese lo ricordano bene.».

La postazione fu strategica dal punto di vista militare per via della sua posizione. Fra le azioni di sabotaggio, infatti, organizzate da Donovan, amministratore della Ducea di Nelson ma agente dei servizi inglesi, e affidate ad Antonio Canepa, (comandante Evis nella Sicilia orientale) vi fu quella di colpire la “batteria di San Gregorio” oltre ai caccia tedeschi di stanza a Gerbini. Per domani mattina, alle ore 8, è previsto l’arrivo degli artificieri che dovranno bonificare la zona. Per l’operazione saranno attuate tutte le forme di sicurezza per gli abitanti della zona e ove sarà necessario la loro evacuazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *