A San Giovanni Galermo è commozione per la festa del papà

Gli studenti dell’Istituto Alberghiero cucinano per solidarietà per la festa di San Giuseppe è stata celebrata nella IV circoscrizione di Catania

locandina festa san giuseppe IV municipalità catania

Fratellanza e condivisione con la possibilità di unire un intero territorio pranzando insieme e restando uniti. Ma non solo.

Ci sono stati anche mmenti di commozione per la festa di San Giuseppe svoltasi stamattina nel quartiere di San Giovanni Galermo a Catania, nel piazzale antistante il complesso parrocchiale dedicato ai Santi Zaccaria ed Elisabetta.

Si, perchè ad emozionare un festa tradizionale come questa, sono stati sopratutto gli studenti dell’Istituto Professionale Alberghiero “Karol Wojtyla”, che hanno cucinato per l’intera comunità.

Un evento, questo, che va oltre il tradizionale pranzo e si rivolge alla comunità intera condividendo momenti di amicizia e fratellanza.

“E’ la dimostrazione più semplice che quando le forze in campo fanno squadra si ottengono risultati straordinari- afferma il presidente della IV municipalità Erio Buceti- per queste ragioni voglio ringraziare i tamburi del rione Panzera di Motta Sant’Anastasia, il complesso bandieristico Città di Belpasso, le forze dell’ordine, il Sindaco Pogliese, il consigliere comunale Luca Sangiorgio, il cantante Angelo Giuseppe Di Guardo, la dirigente Daniela Di Piazza e gli studenti dell’istituto professionale alberghiero “Karol Wojtyla” che hanno preparato il pranzo per oltre mille persone, il parroco Don Giuseppe Catalfo, il delegato all’organizzazione Pippo di Mariano, i volontari delle associazioni “Soccorso e Fratellanza” e “Ihs for Life”, tutti gli artisti, Bella Radio Tv, le organizzazioni, i commercianti, i volontari ed i semplici cittadini che con il loro grande impegno hanno reso possibile tutto questo”.

Insomma. Una celebrazione particolare del patriarca San Giuseppe, questa, con musica, balli, canti, ma anche con la Santa Messa.

E non poteva certamente mancare il tradizionale pranzo “U Maccu” aperto ad oltre mille persone provenienti da tutta la città e dai paesi dell’hinterland etneo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *