RUGBY, LE ZEBRE PARMA SUPERANO EDIMBURGO 34-16

Dopo il successo sui Bristol Bears nella Epcr Challenge Cup, sabato le Zebre hanno vinto in casa anche contro gli scozzesi dell’Edimburgo

Palazzani in azione al Lanfranchi contro l'Edimburgo (Amarcord Foto Video)

Palazzani in azione al Lanfranchi contro l’Edimburgo (Amarcord Foto Video)

Le Zebre sono tornate in campo sabato sera nel Guinness PRO14 dopo aver archiviato col successo sui Bristol Bears la prima parte della coppa europea Epcr Challenge Cup. Ad una sola settimana dall’ultima gara casalinga, i bianconeri hanno ritrovato il pubblico del “Lanfranchi” per affrontare gli scozzesi della capitale, Edimburgo. Le Zebre hanno potuto schierare 10 Azzurri nel XV iniziale per affrontare l’unica sfida stagionale contro la formazione di coach Cockerill giunta a Parma forte della netta vittoria contro Tolone in Champions Cup. Nel primo tempo possesso e territorio hanno sorriso agli ospiti, determinati in attacco a mettere molta pressione all’attenta difesa italiana capace di tenere in partita il XV del Nord-Ovest nonostante solo il 27% di possesso con poche occasioni d’attacco. Castello e compagni sono andati negli spogliatoi sotto 13-3 ma nella ripresa hanno reagito mettendo in campo una prestazione esemplare fatta di aggressività in difesa e ottime giocate in attacco. Dopo la meta di Sisi bravo a rompere la linea difensiva scozzese, è stato Di Giulio a dare il primo vantaggio ai bianconeri sfruttando una bella giocata al piede di Canna. La gara è stata chiusa da un intercetto della stessa apertura bravo a leggere l’attacco avversario. Nel finale l’indisciplina scozzese ha dato al XV di coach Bradley la possibilità di segnare anche la quarta meta, arrivata a tempo scaduto con capitan Castello dopo due rimesse ai 5 metri di Fabiani, votato migliore in campo dai commentatori di DAZN. Rimonta memorabile e prestazione da incorniciare per le Zebre, che trovano il terzo successo con bonus in 4 gare interne e colgono la quarta vittoria stagionale in nove incontri disputati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *