Service LIONS – RISCHIO SISMICO IN ITALIA: BISOGNA PARLARNE!

Giovedì 10 e Sabato 12 Gennaio alle Cimiere di Catania 
Lions e Ordine Ingegneri insieme per prevenire le catastrofi da terremoti

CATANIA - Partecipatissima la giornata di apertura del service distrettuale Lions distretto 108YB dal titolo ‘La cultura della prevenzione: il rischio sismico in Italia – Il recupero della memoria collettiva’, che si è tenuta a Catania lo scorso sabato 12 Gennaio presso il Centro Fieristico ‘Le Ciminiere’, anticipata dalla conferenza stampa del 10. I Lions vantano da sempre il grande merito di essere in prima linea! E questa volta la collaborazione del Distretto Lions 108YB con l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Catania ha posto l’accento su una problematica sicuramente sentita a livello nazionale, se non persino mondiale, ma che desta certamente parecchia ansia soprattutto nel nostro territorio.

"Dall'economia delle catastrofi all'economia della prevenzione - Elena Di Blasi"

Il rischio terremoti e la paura derivante da questo ‘neo strutturale’ della nostra amata Terra ci ha sempre caratterizzato: noi, Terra alle falde del più grande vulcano d’Europa, siamo stati sempre considerati adagiati su di una pentola a pressione, pronta ad esplodere. Ma il pericolo più incombente è quello derivante dalla faglia ibleo-maltese. La scarsa, se non addirittura nulla, conoscenza del fenomeno ed ancor di più l’assenza di memoria storica, però, ci ha sempre indotti a disconoscere il problema. Eppure prevenire è sempre meglio che curare!

Questo è, difatti, il messaggio base che eruditi della materia e sostenitori di una informazione cosciente hanno e cercano di portare avanti.

Aperti i lavori dal Governatore del distretto Lions 108YB dr. Antonio Pogliese, che ha proprio evidenziato come sia obbligo morale dei lionisti tutti informare la cittadinanza di questo grave rischio e quali siano i possibili metodi di prevenzione, porti i saluti dagli insigni convenuti (sostituti per il prefetto di Catania, d.ssa Francesca Cannizzo, per il Sindaco avv. Raffaele Stancanelli, per il Commissario Straordinario della Provincia di Catania, d.ssa Francesca Liotta, per il Rettore dell’Università di Catania prof.ing. Antonino Recca, il Presidente C.N.I. ing. Zambrano,  il Presidente A.N.C.E. ing. Colombrita, il Presidente Confindustria Catania dr. Bonaccorsi di Reburdone, il Presidente Leo 108YB Antonio Gullotta), la parola è stata ceduta ad esperti del settore, che hanno esplicitato tutti come prioritario sia appunto il recupero della memoria collettiva ed indispensabile, al contempo, responsabilizzare le nuove generazioni, pilastri portanti della società nascente, ‘passando dalla politica delle catastrofi a quella della ricostruzione e prevenzione’. Questo il lite-motive della prof.ssa Di Blasi, cui hanno fatto eco, analizzando ognuno il problema dal proprio ambito tecnico, il prof. Gresta, il prof.ing. La Greca, l’ing. Bisignani, l’ing. Ferraro e l’ing. Lungarini.

Motore dell’evento e moderatore della tavola rotonda che ha fatto seguito, il coordinatore del Service Distrettuale Lions ing. Pierluigi Bella, le cui conclusioni sono state affidate all’ ing. Luigi Bosco, presidente uscente dell’Ordine degli Ingegneri di Catania.

Un modo per aprire menti ed orecchie di chi è al di fuori da questi studi tecnici, ma che sa di vivere costantemente con questo spettro dentro casa. Perché il terremoto non avvisa, non bussa alla porta, ma convive con noi e noi dobbiamo imparare a convivere con lui ‘prevenendolo’!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *