RIP all’attore Giuliano Gemma

In uno scontro automobilistico frontale perde la vita l’attore Giuliano Gemma

 

Ieri sera Giuliano Gemma, 75 anni, è stato coinvolto in un incidente automobilistico mortale a Cerveteri, dove viveva. Trasportato d’urgenza in ospedale, poco dopo è spirato. Se ne va uno degli interpreti cinematografici italiani. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti come  il David di Donatello, il premio al Festival Internazionale del cinema di Karlovy Vary come miglior attore, il Globo d’oro, il Nastro d’argento e per tre volte il Premio De Sica. Per il suo modo di non lasciarsi ingabbiare in nessuno stereotipo ha ricoperto numerosi ruoli dai film mitologici, al western italiano ai ruoli drammatici, alle produzioni televisive.

Sportivo per passione nella palestra che frequenta conosce il suo amico Nino Bonocore. Era difficile passare inosservato per la sua prestanza fisica tanto che lo agevolerà inizialmente come stuntman a Cinecittà, per poi essere notato iniziando a interpretare  ruoli anche al fianco di Charlton Heston in Ben Hur e di John Barrymore ne ‘I cosacchi’.

Ma il vero successo arrivò con  “spaghetti” western. Ricordiamo “Una pistola per Ringo” (1965), “Il ritorno di Ringo” (1965) “Adios gringo” (1965), “Un dollaro bucato”, “Per pochi dollari ancora” (1967), “I lunghi giorni della vendetta” (1967) , e “I giorni dell’ira” (1967). Con Bud Spencer fu in coppia in “Anche gli angeli mangiano fagioli” (1973); torna poi sul genere in coppia con Ricky Bruch in “Anche gli angeli tirano di destro” (1974).

Dal 1976 in poi comincia la sua carriera impegnata in ruoli drammatici come Il deserto dei Tartari di Valerio Zurlini, Il prefetto di ferro di Pasquale Squitieri, assieme all’altrettanto significativa parte in Un uomo in ginocchio di Damiano Damiani del 1979. Negli anni 1980 prese invece parte a Tenebre di Dario Argento e Speriamo che sia femmina di Mario Monicelli e diede il volto al celebre personaggio dei fumetti Tex Willer in Tex e il signore degli abissi, film originariamente pensato per la tv.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *