Regione Sicilia – CEDIFOP: aperto il bando per la qualificazione di “Diver Medic – Primo Soccorso”

In questo periodo molto difficile per tutti, causa COVID-19, mentre gli enti di formazione vivono in uno stato di penalizzazione economica, alcune istituzioni regionali si stanno prodigando per non aggravare la ricaduta economica negativa sulle attività che si svolgono sul territorio regionale.12364186_1736344073264265_1652406354_o

La Regione Siciliana attraverso l’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento con il bando FEAMP Misura 1.29 “Promozione del capitale umano, creazione di posti di lavoro e del dialogo sociale” ha approvato un contributo parziale per la realizzazione, con il CEDIFOP di Palermo, nei prossimi 18 – 22  mesi, n.10 microprogetti per il rilascio della certificazione UNI CEI EN ISO/IEC 17024 di CEPAS/BUREAU VERITAS per la qualificazione di “Diver Medic – Primo Soccorso“.

I destinatari sono quelli che rientrano nel Decreto Ministeriale 20 ottobre 1986Disciplina della pesca subacquea professionale” e fa riferimento al decreto ministeriale 13.01.1979 sulla “categoria dei sommozzatori in servizio locale“, marinai, marittimi, inclusi i pescatori professionisti, e tutte le categorie che rientrano nel settore marittimo o persone che vogliono intraprendere questi mestieri.

12380556_1736958873202785_53603499_nLe persone formate rappresenteranno dei professionisti in possesso di conoscenze, competenze ed esperienza per intervenire in caso di emergenza,  o di un incidente, in modo efficace, come ad esempio l’esecuzione di manovre di primo soccorso di base ed avanzate sotto supervisione diretta di un medico in contatto anche da remoto e conoscenze per lo svolgimento di mansioni lavorative in ambito marittimo o navale.

In coerenza con i compiti svolti l’operatore che sarà certificato “Diver Medic – Primo Soccorso” avrà adeguate conoscenze in merito alla fisiologia umana, barriere protettive e conoscenze di base in merito a gas contaminanti, agenti chimici pericolosi, sostanze tossiche, terapia iperbarica e impianti iperbarici per utilizzo subacqueo, servizi di telemedicina, animali marini pericolosi, e sarà addestrato nella gestione di sanguinamenti, gestione di traumi muscolo-scheletrici, gestione di traumi cranici e spinali, rianimazione cardio-polmonare ed utilizzo di defibrillatore semiautomatico esterno, shock elettrici, ustioni, gestione dello shock, avvelenamento da agenti contaminanti, ipotermia ed ipertermia, soffocamento, annegamento, verifica dei parametri vitali, gestione di incidenti da decompressione, esame neurologico, baro trauma all’orecchio, Infezioni frequenti, pneumotorace, gestione avanzata delle vie aeree, cricotiroidotomia e tracheotomia, tecniche di sutura, iniezioni endovenose, cateterismo vescicale, sempre su indicazione di un medico, in contatto anche da remoto. 20161214_110803
I percorsi formativi fanno riferimento, dal punto di vista legislativo, anche, alla L.21.04.2016, n.7. “Disciplina dei contenuti formativi per l’esercizio delle attività della subacquea industriale” e al Decreto Presidente Regione Siciliana 7.12.2018, n.31 “Regolamento relativo ai percorsi formativi finalizzati all’esercizio delle attività della subacquea industriale in attuazione dell’art.5 della legge regionale 21 aprile 2016, n.7” e alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024 “Requisiti generali per gli organismi che eseguono la certificazione delle persone”, in quanto il Brevetto di “Diver Medic Primo Soccorso”  è previsto dall’articolo 2.4 della legge 07/2016 ed è valido per l’iscrizione per i livelli offshore, al Repertorio dei Commercial Divers Italiani, presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Siciliana.

Il primo corso inizierà nel mese di ottobre 2020, mentre sono già in atto contatti con associazioni di categoria e i comuni limitrofi a Palermo per la programmazione e calendarizzazione dei corsi rimanenti. Attualmente sono aperte le domande di iscrizione ai prossimi corsi a tutti coloro, che rientrano nelle categorie previste e che desiderano partecipare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *