R.I.P. Ronald “Khalis” Bell voce e co-fondatore dei mitici Kool & the Gang

Il sassofonista e cantautore americano, co-fondatore dei Kool & the Gang, è morto improvvisamente il 9 settembre nella sua casa alle Isole Vergini (USA). Aveva 68 anni. Suoi i brani di successo mondiale come Jungle Boogie, Ladies Night, Celebration.Bell

La causa della morte ancora è sconosciuta. I “Kool & the Gang” si formarono nel 1964 a Jersey City. Ebbero un successo internazionale e tanti tour in giro per il mondo.

Nel corso di 23 album, a partire da Kool and the Gang del 1969 fino all’album natalizio del 2013 Kool for the Holidays, la band si è trasformata da unità jazz emergente a ensemble funk-soul. Ai vertici delle classifiche divennero un gruppo pop armonioso (che faceva ballare tutti) con l’aggiunta del cantante James ” JT ” Taylor nel 1979.
Bell, che più tardi ha adattato il nome Khalis Bayyan, ha co-scritto molti dei perpetui eventi della vita del gruppo – tra cui “Ladies Night”, “Jungle Boogie” e “Celebration” – brani considerati tra i migliori del panorama internazionale della musica funky.

Nel 1964, Bell e suo fratello adolescente Robert “Kool” Bell, incapaci di permettersi la batteria, raccoglievano vecchi barattoli di vernice nel loro quartiere di Youngstown, Ohio e li usavano come strumenti a percussione improvvisati. Era un “modo rozzo per imparare la musica” – i fratelli avrebbero imparato la musica tonale a seconda di quanta vernice c’era in ciascuna lattina – ma ha avuto una carriera musicale che è durata più di 50 anni.

Bell1

Il suo talento può essere ascoltato nella hit N.1 del gruppo “Celebration”, nel classico funk “Jungle Boogie” e nella ballata pop degli anni ’80 “Cherish”. Altre tracce degne di nota includono “Ladies Night”, “Joanna” e “Higher Plane”. Ha anche lavorato con i Fugees nel loro album di debutto, Blunted on Reality del 1994.

Tra le altre hit ‘Jungle Boogie’, è stato il brano utilizzato in Pulp Fiction di Quentin Tarantino e ‘Hollywood Swinging’ utilizzato nel film Be Cool di F. Gary Gray.
Alla fine degli anni ’70 la band passò dal genere funk alla disco-funk e in quel momento avvenne la consacrazione definitiva nel mondo musicale. Secondo una classifica di Billboard del 2018 il gruppo ha venduto nel mondo circa 90 milioni di copie di dischi.

(fonti ansa.it, consequenceofsound.net, rollingstone.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *