R.I.P. Luis Sepúlveda: morto lo scrittore cileno ammalatosi di COVID-19

Ci lascia all’età di 71 anni, lo scrittore sudamericano Luis Sepúlveda. Era stato ricoverato a fine febbraio al Central University Hospital of Asturias di Oviedo, per aver contratto il Coronavirus.

download

Luis Sepúlveda Calfucura, nacque ad Ovalle classe 1949, non solo fu uno scrittore di successo, ma anche un attivista, giornalista, sceneggiatore, poeta e regista.  Scrisse diversi  libri, racconti e radioromanzi e parlava bene tre lingue straniere: italiano, inglese e francese. Uno dei romanzi più conosciuti è “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare“.

Sepúlveda amava l’Italia, il Paese in cui le sue opere hanno superato gli otto milioni di copie. Nel 2006 fu vincitore del Premio Hemingway per la Letteratura e nel 2014 del Premio Chiara alla carriera.

BIOGRAFIA

Studiò in Cile conseguendo il diploma di regista teatrale e continuò a scrivere racconti. Appartenette al Partito Socialista e fu guardia personale di Salvador Allende, ex presidente cileno. Ebbe una vita tutt’altro che facile. Dopo il colpo di Stato militare di Pinochet, Sepúlveda fu arrestato e torturato e trascorse sette mesi all’interno di una cella molto piccola. Amnesty International lo fece scarcerare e dopo la sua scarcerazione ricominciò a fare teatro non abbandonando le sue idee politiche. A causa di ciò venne arrestato una seconda volta e fu responsabile del dramma dei desaparecidos cileni. Ebbe una condanna all’ergastolo, ma ancora una volta Amnesty International riuscì a fargli ridurre la pena fino a otto anni, anche se alla fine scontò solo due anni e mezzo di carcere.

Nel 1969 vinse il Premio Casa de las Americas per il suo primo libro di racconti, Crónicas de Pedro Nadie, e di una borsa di studio di cinque anni per l’Università Lomonosov di Mosca.

Nel 1977 lasciò la sua nazione per andare ad insegnare in Svezia. Al primo scalo, a Buenos Aires, scappò con l’intenzione di andare in Uruguay.  Si stabilì poi in Ecuador, in cui venne ospitato dall’amico Jorge Enrique Adoum. Prese parte a una spedizione dell’UNESCO dedicata allo studio dell’impatto della civiltà sugli indios Shuar. Durante quest’ultima, visse per sette mesi a con gli indios, ovvero i nativi americani.

Nel 1978 raggiunse le Brigate Internazionali Simon Bolivar. In seguito diventò anche giornalista e nel 1979 si trasferì in Europa. Visse in Germania e Francia (in cui prese la cittadinanza francese) e viaggiò molto sia in Sud America che Africa.

Nel 1982 iniziò a lavorare per Greenpeace (organizzazione non governativa ambientalista e pacifista) fino al 1987, come membro dell’equipaggio. Nel 1989 ritornò nella sua Terra madre, in Cile, e dal 1996 visse in Spagna fino alla sua scomparsa causata dal Coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *