R.I.P. Ken Hensley, ex tastierista e co-fondatore degli URIAH HEEP

L’ex URIAH HEEP è morto ieri in Spagna all’età di 75 anni. Stamattina la notizia devastante pubblicata in un post su FB da suo fratello Trevor. Musicista eclettico, tastiera, chiatarre e voce con Uriah Heep (1969-80), BlackfootThe Gods (1965– 69), Toe FatHead Machine (1970). Ken Hensley

Kenneth William David "Ken" Hensley era noto per aver a lungo militato nella band Uriah Heep con cui aveva confezionato degli album storici, pietre miliari nell'heavy rock mondiale, come i capolavori iniziali degli anni '70-71: "Very 'eavy...very umble" - "Salisbury" - "Look at Yourself". Nell'80 lascia la band e inizia una carriera da solista e come produttore discografico britannico.

La sua carriera inizia come chitarrista e  nel 1965, fondando il gruppo The Gods, inizia a suonare e innamorarsi dell'organo Hammond. Il gruppo (che nel '66 apriva i concerti londinesi dei Cream) contava di elementi notevoli che avrebbero avuto un posto di rilievo nel panorama rock internazionale. KEN H Oltre ai futuri Uriah Heep, il batterista Lee 'The Bear' Kerslake (morto un mese e mezzo fa) e il bassista Paul Newton, una comparsa anche per il bassista Greg Lake (King CrimsonELP) e il giovane chitarrista Mick Taylor (John Mayall e i Bluesbreakers), prescelto poi dai Rolling Stones. La presenza in corsa di Hensley aggiunge un'ulteriore dimensione, quella psichedelica e progressiva con l'uso potente dell'Hammond e degli effetti rotanti del Leslie. Il gruppo nel '70 cambiò pelle in due formazioni progressive. Prima nascono i Toe Fat e poi gli Head Machine. Ken partecipa ad un solo album e poi, chiamato dal basista Paul Newton, fece parte degli Spice, nucleo rock da cui nacquero gli Uriah Heep (del vocalist David Byron del chitarrista Mick Box), gruppo in cui Henley si fece apprezzare per le principali composizioni dallo stile Heavy e che accompagnava anche con produzioni solistiche. UHGli Uriah Heep hanno suonato per tutto il globo e venduto più di 40 milioni di dischi. Passati i 50 anni dalla fondazione continuano a sfornare ancora nuoeve produzioni musicali. Il  30 ottobre 2020 pubblicato il cofanetto deluxe “50 Years In Rock” contenente tantissimo materiale della band (cd e vinile) selezionato anche dallo stesso Ken.

Nel 1980, dopo la pubblicazione dell'album Conquest, Hensley lasciò il gruppo dedicandosi ad attività solistica e collaborazioni con  artisti occasionali come John Lawton e  con gruppi come Blackfoot (gruppo di Rickey Medlocke, con cui ha registrato due album, “Siogo” del 1983 e “Vertical Smiles” del 1984), nel 1989 con W.A.S.P. (The Headless Children) e Cinderella (Heartbreak Station).

Con alcuni gli Heep ripercorre i migliori brani del rock suonando in album e in concerti Live con la Hensley Lawton Band (2001 - "The Return" - 2001 - "Salisbury Live")  e con l'amico John Wetton (2002 - "More Than Conquerors", 2002 - "One Way Or Another"). Dal 2010 tanti apparizioni in Italie e collaborazioni con artisti italiani. Prima la partecipazione nel disco dei Moonstone Project, suonando l'Hammond e il Leslie modificati in Italia da Joey Mauro. Il 2013 creazione del Ken Hensley & Live Fire, con l'italiano Roberto Tiranti alla voce ed al basso, con l'uscita (7 ottobre 2013) dell'album "Trouble" e sul  potentissimo Live in Russia” (2019).

Ken-Hensley1

Una breve malattia ci priva di Ken Hensley che ha composto per gli Uriah Heep tanto materiale, come la bellissima Lady in Black (cantata da Ken) e la frenetica rocheggiante Easy Livin’. Ken era un vero pluri-strumentista, occupandosi di chitarre, vibrafoni, clavicembali, organi e tastiere di tutti i tipi.

La scomparsa pubblicata su FB: “Sto scrivendo questo con il cuore pesante per farti sapere che mio fratello Ken Hensley è morto pacificamente mercoledì sera”, ha scritto Trevor Hensley. “La sua bellissima moglie Monica era al suo fianco e ha confortato Ken nei suoi ultimi minuti con noi. Siamo tutti devastati da questa tragica e incredibilmente inaspettata perdita e ti chiediamo, per favore, di concederci un po’ di spazio e tempo per affrontarla. Ken verrà cremato in una cerimonia privata in Spagna, quindi non chiedere informazioni su un funerale. Ken è andato ma non sarà mai dimenticato e sarà sempre nei nostri cuori. Stai al sicuro là fuori.”

E.S. (Vince McStross): "Ciao Ken ...hai accompagnato la mia crescita musicale. Quando Nico Libra mi portò il primo disco degli Heep, tenebro, very heavy ... la mia musica e i miei suoni della chitarra cambiarono in un 'Pazzo Mattino di Luglio' ...Fedeli le riproduzioni con i Bears (Mario Fiamingo, Mario Di Giorgio, Enrico D'Arrigo mi possono capire). Resterai con me! ... Very 'eavy...very umble, guardandoti 'dentro lo specchio'  Look at Yourself Ken, a te l'Ultima Danza". 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *