R.I.P. Ellis Marsalis Jr., grande pianista del Modern Jazz (Covid-19 Killer)

Ellis Marsalis Jr. è morto ieri all’età di 85 anni per complicazioni legate al Covid-19. apparteneva ad una grande famiglia di artisti maestri del jazz contemporaneo. Marsalis

Il mondo della musica  jazz saluta una “leggenda”, tra i migliori pianisti del modern jazz e storico patriarca di una famiglia di musicisti, sei talenti tra cui spiccano il grande Wynton Marsalis, trombettista, e Brandford, sassofonista. “È morto come viveva: accettando la realtà” – il figlio Wynton (He went out the way he lived: embracing reality).

Ad annunciare il decesso è stato il direttore emerito dell’Ellis Marsalis Center for Music, Quint Davis, parlando alla Cnn. “Con grande tristezza annuncio la morte di mio padre, Ellis Marsalis Jr., a causa delle complicazioni del coronavirus” ha poi annunciato suo figlio Branford, aggiungendo che era stato ricoverato in ospedale sabato e che “Era un gigante della musica e dell’insegnamento, ma un padre ancora più grande e ha messo tutto ciò che aveva per permetterci di sviluppare il meglio di noi stessi“.Ellis MEllis Marsalis era una leggenda, il prototipo di quello che intendiamo quando parliamo di jazz di New Orleans” ha dichiarato il sindaco di New Orleans, LaToya Cantrell.

<> at Fair Grounds Race Course on May 7, 2017 in New Orleans, Louisiana.

<> at Fair Grounds Race Course on May 7, 2017 in New Orleans, Louisiana.

Nato nella capitale del jazz, New Orleans, nel novembre 1934, Ellis ha registrato al piano con Cannonball e Nat Adderley, Al Hirt, Marcus Roberts e Courtney Pine.
Coinvolto per la sua creatività e per la saggezza familiare nel New Orleans Centre for Creative Arts, l’Università di New Orleans e la Xavier University della Louisiana. Il club di New York Jazz al Lincoln Center, di cui Wynton è direttore generale e artistico, ha dichiarato “di dire addio, con tristezza e cuore pesante a Ellis Marsalis, uno degli artisti e insegnanti di musica più famosi del suo tempo e di tutti i tempi“.
Con i suoi figli aveva registrato l’album Father and Sons. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *