R.I.P. Eddie “Fast” Clarke: Motorhead Game Over!

Morto  Eddie “Fast” Clarke: l’ultimo superstite della formazione originale dei Motorhead.  Aveva lasciato la band nel 1982, dopo sei album.  Il chitarrista inglese è scomparso all’età di 67 anni in un ospedale di Londra dove era stato ricoverato per polmonite.FastEddie_4

Con Lemmy e Phil Taylor aveva inventato il leggendario trio che ha proiettato la band nell’olimpo dell’hard rock mondiale.

Siamo sconvolti nell’annunciare questa notizia“, si legge in un comunicato pubblicato il 10 gennaio sul profilo Facebook della band fondata a Londra nel 1975, che sottolinea come ‘Fast’ Eddie continuerà comunque a “ruggire e a fare rock n roll”.
Nella loro pagina ufficiale di Facebook la band ha poi evidenziato quanto scritto da Tedd Carroll, fondatore della Chiswick Records, ovvero che Clarke “si è spento serenamente in ospedale dove era in cura per una polmonite”. I Motörhead citano anche Phil Campbell, chitarrista del gruppo fino al 2015, che definisce la morte di Clarke “un vero shock”.

Clarke aveva inciso coi Motorhead sei album, negli anni d’oro del gruppo, che lasciò nel 1982 per fondare i Fastway. Uno dopo l’altro i musicisti che avevano fondato il gruppo sono morti. Nel dicembre 2015 era stata la volta del frontman IanLemmy” Kilmister, scomparso per un cancro a 70 anni, mentre Phil Taylor, il batterista, solo un mese prima, nel novembre 2015.1280px-Motorhead_Port_Talbot_1982

Edward Allan Clarke era nato il 5 ottobre 1950 a Twickenham. Clarke il veloce (“Fast”) nel ’75, dopo diverse partecipazioni con rock band, entra a far parte di uno dei gruppi più leggendari del panorama rock. La sua adolescenza chitarristica era stata contrassegnata da uno stile blues, ispirandosi a Eric Clapton , John Mayall e altri eroi della chitarra blues britannica degli anni ’60, per cui appetitoso dalle nascenti band locali.
Lavorando come restauratore in una casa galleggiante conosce il batterista Phil Taylor, da poco tempo nei Motörhead, che lo presenta immediatamente al leader Lemmy Kilmister, il quale lo ha accetta come nuovo chitarrista della band. Eddie ClarkeSebbene Clarke fosse un po ‘sorpreso quando il chitarrista Larry Wallis improvvisamente lasciò la band, lasciandolo come membro di un trio piuttosto che del quartetto che Lemmy aveva previsto, si sistemò rapidamente nel nuovo gruppo. Il suo soprannome “Fast” gli è stato dato da Lemmy per una folgorante introduzione-assolo durante un concerto.
La loro formazione a tre venne considerata dai più come quella classica di una rock band; per il gruppo londinese infatti poco dopo si trattò di un continuo giro di successi, grazie anche ad album ormai leggendari come OverkillBomberAce of Spades e Iron Fist.

Da notare anche il live No Sleep ‘til Hammersmith’, che nel 1981 raggiunse incredibilmente la posizione numero 1 nelle classifiche britanniche. Si è inoltre messo nelle veci del cantante su due tracce della band, Step Down e Beer Drinkers and Hell Raisers.5261
Nel 1982 il chitarrista britannico lascia il trio per fondare i Fastway, band hard & heavy britannica creata con il bassista Pete Way uscente dagli UFO. Il nome “Fastway” deriva appunto dalla fusione dei nomi dei due fondatori. Way successivamente lasciò il sodalizio per unirsi alla band di Ozzy Osbourne. Clarke ha continuato con la band, reclutando una nuova line-up e registrando cinque album in studio con i Fastway negli anni ’80.  Un’apparizione con la band al Download Festival nel 2007, con alla voce Toby Jepson del gruppo rock Little Angels, ebbe un apprezzamento entusiastico dal pubblico, così come il suo album solista Make My Day – Back to Blues (2014).

(fonte wiki, ansa.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *