R.I.P. Clara Sereni, giornalista e scrittrice romana

Si è spenta mercoledì 25 luglio a Perugia, all’età di 71 anni, la scrittrice Clara Sereni. Il Presidente Sergio Mattarella: «Donna che ha speso gran parte della sua esistenza al servizio della comunità»

sereni

Nata a Roma il 28 agosto del 1946, figlia di Emilio Sereni, dirigente del Partito Comunista Italiano. Clara Sereni fu scrittrice, giornalista e traduttrice. Si trasferì a Perugia dove visse per gran parte della sua vita. Era sposata con lo sceneggiatore Stefano Rulli. La sua grande passione era la letteratura, ma si interessò anche in campo politico e sociale. Dal 1995 al 1997, ebbe la carica di vicesindaco per le politiche sociali a Perugia. Nel 1998, dopo la nascita del figlio, fondò l’associazione Città del sole – Onlus, di cui fu presidente fino al 2009. Si impegnò con tutte le sue forze soprattutto per la costruzione di progetti per portatori di handicap psichici e mentali dai meno gravi ai più gravi. Fu editorialista per l’Unità e il Manifesto, dei quotidiani, e tradusse anche le opere di Balzac, Stendhal e Madame Lafayette. Nel 2004 partecipò al film documentario Un silenzio particolare del marito Stefano Rulli, che parla dell’esperienza con il loro figlio disabile, protagonista del film. Curò anche libri come l’antologia di racconti Amore caro, scritti da lei stessa e da Paola Cortellesi, Franco Amurri, Pulsatilla, Barbara Garlaschelli e Oliviero Beha e Si può, nel quale cinque giornalisti raccontano di una storia di integrazione di malati mentali all’interno della società. Il suo primo libro Sigma epsilon, fu scritto nel 1974 e l’ultimo, Via Ripetta fu stampato nel 2015. Nello stesso anno partecipò al premio Strega con il suo ultimo libro (Via Ripetta 155), in cui guardava agli anni giovanili trascorsi in quella casa nel centro di Roma dove cercava di conciliare la sua vita privata con la vita comunitaria. Lo stile di scrittura di Clara Sereni era sempre schietto e molto aperto, privo di ogni ipocrisia soprattutto quando raccontava di lavori precari, di libertà sessuale sentita quasi come un dovere, degli amici, degli amori. Fu anche l’inventrice del termine “casalinghitudine“, che divenne anche il titolo di un suo libro scritto nel 1987.

Scrisse in tutto 13 libri:

  • Sigma epsilon, romanzo, Venezia, Marsilio, 1974
  • Casalinghitudine, romanzo, Torino, Einaudi, 1987
  • Manicomio Primavera, Firenze, Giunti, 1989
  • Il gioco dei regni, Firenze, Giunti, 1993 (Premio Società dei Lettori Lucca-Roma, Premio Marotta)
  • Eppure, Milano, Feltrinelli, 1995
  • Taccuino di un’ultimista, Milano, Feltrinelli, 1998
  • Da un grigio all’altro, dialogo con Clara Sereni, Roma, Di Renzo Editore, 1998
  • Passami il sale, Milano, Rizzoli, 2002 (Premio Nazionale Letterario Pisa)
  • Le Merendanze, Milano, Rizzoli, 2004
  • Il lupo mercante, Milano, Rizzoli, 2007
  • Come formichine laboriose, in: Grand Tour. Rivisitare l’Italia nei suoi 150 anniItalianieuropei, 05/2010
  • Una storia chiusa, Milano, Rizzoli, 2012
  • Via Ripetta 155, Firenze, Giunti, 2015

Clara è venuta a mancare alla soglia dei 72 anni, che avrebbe dovuto compiere a breve. Sono tanti i messaggi di cordoglio, tra i quali quelli del Presidente Mattarella e quelli della Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, che ha pronunciato le seguenti parole: «Ho appreso con profondo dolore della morte di Clara Sereni e voglio esprimere il mio sincero cordoglio, e quello della giunta regionale, per la scomparsa di una donna che ha lasciato un segno profondo in quanti hanno avuto, come me, l’onore di conoscerla personalmente ed in quanti l’hanno conosciuta attraverso i suoi libri. Libri di successo, tra cui mi piace ricordare il romanzo Il gioco dei regni. Clara Sereni è stata una intellettuale, scrittrice e giornalista, una donna dalla personalità forte e dalla straordinaria carica umana. Fortemente impegnata nel sociale, ha promosso tra l’altro la fondazione della Onlus Città del sole a favore dei disabili psichici e mentali, è stata anche donna delle istituzioni. Con lei se ne va una figura straordinaria».
1532616316688.jpg--si_e_spenta_clara_sereni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *