R. I. P Chris Cornell, famoso cantante dei Soundgarden

Chris Cornell è morto il 17 maggio 2017. Aveva solo 52 anni. La sua carriera è stata ricca di musica, ma la sua vita è stata difficile.

3670804249_9a37596c8c_b

Chris Cornell è morto il 17 maggio 2017. Aveva solo 52 anni e, adesso, il suo nome si congiunge alla lunga scia nera di nomi famosi: Kurt Cobain, Layne Staley, Scott Weiland degli Stone Temple Pilots.

Chris Cornell era il nome d’arte di Christopher John Boyle. Il famoso cantante era nato a Seattle nel 1964. La sua carriera è stata ricca di musica, infatti Chris era sia cantante che musicista statunitense.

Chris iniziò a farsi conoscere cantando nei Soundgarden, un gruppo di ragazzi che si era formato nel 1984 e poi si era sciolto nel 1997.

Successivamente, dal 2001 al 2007 ha costituito, insieme a dei vecchi componenti del Rage Against the Machine, il gruppo Audioslave. In questo gruppo è riuscito ad ottenere la parte del cantante solista.

La sua infanzia, però, l’ha fatto soffrire. Proprio per questo Chris Cornell ha avuto dei tristi periodi di depressione a causa del divorzio dei genitori.

93ef8904ad54005afcfb826ebfeb9887

Per questa vicenda, Chris ha abbandonato il cognome del padre “Boyle” e si è impossessato del cognome di sua madre creando il suo nome d’arte “Chris Cornell”.

Dopo il divorzio, si avvicina alla musica e comincia a suonare la batteria, in un secondo momento ottiene il ruolo di cantante solista e inizia ad avere la passione per la chitarra.

Quando suonava nei Soundgarden, aveva partecipato al progetto Temple of the Dog. Nel 1991 pubblicò l’album omonimo “Temple of the Dog” per ricordare il cantante scomparso dei Mother Love Bone, Andrew Wood.

Gli Soundgarden si sciolsero nel 1997 e dopo la loro fine, Cornell si dedicò pienamente al suo primo album da solista: infatti, nel 1999 uscì Euphoria Morning.

L’album ebbe un giudizio positivo dalla critica mondiale, ma non un gran successo nelle vendite.

Nel 2006 uscì il suo singolo You Know My Name. Questo brano è stato inserito nel suo secondo album da solista “Carry On”.

La vita del cantante, però, finì tragicamente a causa del suicidio. Chris Cornell si è tolto la vita, improvvisamente, ed è stato trovato capovolto nel bagno dell’albergo con un nastro intorno al collo. Il suicido è stato dimostrato dal medico legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *