R.I.P. Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Ѐ morto impiccandosi nella sua abitazione il noto cantante dei Linkin Park Chester Bennington. Bennington aveva 41 anni e 6 figli, avuti da due diversi matrimoni

Chester_bennington

Diceva di essere stato salvato dalla musica ma a volte la sofferenza prende il sopravvento per chi non riesce a gestire le problematiche che la vita ci pone davanti. Si è tolto la vita nella sua abitazione Chester Bennington, nel giorno del 53° compleanno del suo amico, il cantante Chris Cornell. Bennington aveva 41 anni e 6 figli, avuti da due diversi matrimoni. Il cantante ha sofferto parecchi anni per problemi legati ad alcol e droghe ammettendo persino di aver tenuto in considerazione la possibilità del suicidio.

Nel 1998, per via dell’abbandono di Mark Wakefield, gli Xero, insieme a Jeff Blue, si misero alla ricerca di un nuovo cantante. Blue contattò proprio Bennington che eseguì un provino al telefono. Bennington sarebbe stato ufficialmente scelto dagli Xero dopo alcuni provini in cui mostrò una vocalità decisamente unica nel suo genere. Successivamente gli Xero cambiarono nome in Hybrid Theory e pubblicarono l’EP omonimo nello stesso anno. Grazie a questo album e ad alcuni concerti, riuscirono a firmare un contratto con la Warner Bros Records verso la fine dell’anno.

Dopo aver cambiato nome in Linkin Park, il 24 ottobre 2000 pubblicarono Hybrid Theory, il loro album di esordio, che contò soprattutto sui singoli One Step Closer, Crawling e In the End, ottenendo un successo mondiale con più di 27 milioni di copie in tutto il mondo, seguito da Meteora. Successivamente una grande collaborazione nacque con il rapper Jay Z, nell’album Collision Course. One More Light, l’ultimo album dei Linkin Park è uscito a maggio e segna il passaggio da un sound più deciso a uno leggero. Bennington aveva in qualche modo lanciato segnali di instabilità attraverso le sue ultime canzoni. In particolar modo col singolo Heavy in cui racconta con grande sincerità il suo malessere e la sua depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *