R.I.P. George Duke. Scompare la leggenda del Jazz, Rock, R&B, Funk and Fusion

 Il virtuoso tastierista George Duke è morto all’età di 67 anni. Una leggenda del Jazz, Rock, R&B, Funk and Fusion. La sua scomparsa è una grande perdita per la comunità musicale in tutto il mondo e gli amanti della musica in tutto il mondo.

New Orleans Jazz & Heritage Festival di Musica il 4 maggio 2013 (WireImage)

George Duke, tastierista jazz vincitore di un Grammy, produttore il cui sound era intriso di jazz acustico, jazz elettronico, funk, R & B e soul. Una carriera di più di 40 anni, pioniere del virtuosismo alle tastiere ed al sintetizzatore, George è morto all’età di 67 anni, lasciando due figli, Rashid e John. Un rappresentante della famiglia Duke ha detto che l’attore è morto lunedì notte a Los Angeles, al St.John’s Hospital. Duke era in cura per leucemia linfatica cronica.
Suo f
iglio Rashid ha ringraziato i fan di suo padre in una dichiarazione martedì: L’effusione di amore e il sostegno che abbiamo ricevuto da amici di mio padre, fan e l’intera comunità musicale è stata travolgente,” ha detto. Grazie a tutti per la vostra preoccupazione, preghiere e sostegno.
Duke è nato a San Rafael, in California. Ha iniziato a prendere lezioni di pianoforte all’età di 4 anni, dopo aver visto suonare Duke Ellington. Ha imparato molto sulla musica frequentando la Chiesa, che lo ha aiutato a aggiungere uno stile funk al suo suono. Ha suonato nei gruppi jazz nelle scuole superiori ed è stato fortemente influenzato da Miles Davis e Les McCann. Si è guadagnato i gradi nella Francisco Conservatory of Music e nella San Francisco State University. La sua prima produzione musicale vede la luce nel ’66 con George Duke Quartet Presented by the Jazz Workshop.

Dal ’69 collaborò con Frank Zappa, con lui tanti album e concerti dal vivo (Zappà morì nel ’93). Ha suonato con Jean-Luc Ponty (George Duke Trio nel ’69), nella Orchestra di Don Ellis, nel gruppo di  Cannonball Adderley nel ’71, con Billy Cobham (Live on Tour in Europe ’76 – Atlantic) e con il musicista jazz Stanley Clarke nel The Clarke / Duke Project. La loro canzoneSweet Babyè stato un Top 20 nelle classifiche pop di Billboard. Duke ha anche suonato la tastiera su pluripremiato album del 1979 di Michael Jackson, “Off the Wall“.

Dal ’76 Duke si dedicò alla carriera solista e di produttore per molti noti artisti quali Anita Baker, Michael Bolton, George Benson, Dee Dee Bridgewater, Stanley Clarke, Larry Coryell, Paco de Lucia, Rickie Lee Jones, John McLaughlin, Marilyn Scott, Al Jarreau, Natalie Cole e Stevie Wonder. Ha prodotto anche per Miles Davis, Smokey Robinson, Gladys Knight, Dionne Warwick. Lascia più di 35 album, molti da solista. 

Ha lavorato come direttore musicale per i Soul Train Music Awards e altri eventi speciali. Ha anche segnato canzoni sulla colonna sonora di “The Five Heartbeats” e “Karate Kid III“.

      

Sua moglie, Corine, morì di cancro l’anno scorso. Egli era in grado di fare musica per mesi, ma ha superato il suo dolore creando l’album “DreamWeaver“, uscito il mese scorso, pieno di una fusione di suoni e un toccante tributo alla sua defunta moglie come nella romantica ballata piano-drivenMissing You“.
         

“Sono ancora incredulo …datemi un pizzicotto! Siamo stati fortunati come band di aver ha una fetta della sua magia suMindin ‘My Business nel nostro album Adventures In Black. Non dimenticherò mai il giorno in cui è venuto dal mio studio e si sedette al mio Fender Rhodes e ha iniziato a suonare. Ci mancherà il Re di tutti i Festival del Jazz. Shine On … Pace …Bluey“.  Così lo ricorda Jean-Paul Maunick il grande leader degli Incognito, band che deve molto alla musica di Duke. “Il brasiliano Love Affair è uno dei più grandi album di sempre, – aggiunge – è una delle tante gemme in un catalogo enorme che è spesso come l’elenco telefonico. I suoi bellissimi toni vocali sono stati spesso trascurati a causa della sua straordinaria musicalità, ma lui era veramente il proprietario di una bella voce. George era sempre gentile e disponibile per tanti giovani musicisti“.

(fonti Bilboard con Mesfin Fekadu, Associated Press, Wiki, Fbook)

2 pensieri su “R.I.P. George Duke. Scompare la leggenda del Jazz, Rock, R&B, Funk and Fusion

  1. Ma chi scrive articoli come questo? Perchè ogni volta c’è da vergognarsi? Non si documentano mai, copiano da fonti disinformate…

    “Ha collaborato in un album di Frank Zappa, con lui in tour nel ’69…”

    Duke suonò in 9 album di Zappa pubblicati dal 1970 al 1975 e compare in una quindicina di lavori di archivio di Zappa pubblicati tra il 1978 e il 1992 (prima della morte di FZ nel ’93 quindi) e tralasciamo le pubblicazioni postume…
    e no, Duke non suonò con lui in tour nel ’69 ma dal ’70 al 75.

    “Duke è diventato un artista solista nel 1976…”

    Che significa? Il primo disco a suo nome è del 1966!

    • Carissimo Gianmaria .. Ti ringrazio per le note, sempre ben accette, specie se riguardano musicisti importanti (e complicati) come Duke, …davvero un grande. Come ben sai la news arrivata immediatamente oltre oceano ha sofferto nella traduzione veloce e sintetica di una notizia di cronaca – purtroppo nefasta – che doveva essere pubblicata per la celerità, quindi qualche imprecisato ci poteva stare (fatta poi con fonte Bilboard!!!). Ho visto il project con Clarke nel Triveneto qualche lontano anno fa e loro due mi sono sembrati davvero tremendi sul palco, una forza.. che concerto! Ti ringrazio sempre perchè hai dato modo di apportare qualche variazione alla notizia. Grazie e stai ‘in touch’. Enzo Stroscio (seguici sul Web Daily globusmagazine.it e magari iscriviti alla newsletter – ci sono cose davvero interessanti) THXS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *