R.I.P. BEN E.KING, autentico Re del Blues-Rock

E’ morto Ben E. King, aveva 76 anni. Cantante soul considerato uno dei migliori chitarristi della storia del blues e del rock, autore,tra l’altro di “Stand by me”.
La notizia è stata riferita dalla BBC e confermata oggi dal suo agente.

E’ morto all’età di 76 anni presso l’Hackensack University Medical Center nel New Jersey. Secondo il suo portavoce sarebbe deceduto per cause naturali. 

King, cantante di soul e R&B, grazie alla sua interpretazione “Stand by me“, scritta da Jerry Leiber e Mike Stoller, raggiunse la top five americana nel 1961. Il brano è stato nella classifica di Billboard per anni. Cominciò la propria carriera negli anni cinquanta con i Drifters, e da allora in poi ha forgiato capolavori come “Amor“. Benjamin Earl Nelson, conosciuto come Ben E. King, cantautore statunitense, di musica pop e soul, fu conosciuto in tutto il mondo per il brano Stand By Me, portato al successo internazionale nel 1961 e riscoperto dai giovani solo negli anni ’80 grazie al film omonimo del 1986, che fece tornare il brano al successo a 25 anni dalla prima uscita. In Italia divenne famosa grazie all’interpretazione di Adriano Celentano. Il brano un classico della musica americana “grazie alla voce incandescente di King“, come scrive la Library Of Congress americana che l’ha inserita nel ristretto elenco delle National Recording.

Nato il 28 settembre 1938 a Henderson nella Carolina del Nord, Nelson si trasferisce ad Harlem, New York, all’età di nove anni. 
Nel 1958, si unisce ad un gruppo di musica doo wop chiamato The Five Crowns. Più tardi nello stesso anno, il manager del gruppo The Drifters licenziò i vecchi membri del gruppo, e assunse i Five Crowns al loro posto. Nelson co-scrisse il primo successo della nuova formazione dei Drifters There Goes My Baby del 1959. Cantò anche, usando il suo nome di battesimo, le principali parti vocale di Save the Last Dance for Me, un brano scritto da Doc Pomus e Mort ShumanDance With Me”, This Magic Moment, I Count the Tears e Lonely Winds. 

King registrò soltanto dieci canzoni con i The Drifters, inclusa Temptation, mai pubblicata come singolo.

Nel 1960, Nelson lasciò i Drifters dopo non essere riuscito ad avere un aumento di stipendio ed una parte delle royalties del gruppo. Fu a questo punto della carriera che Nelson assunse il nome d’arte Ben E. King, in vista di una carriera da solista.
Sotto contratto con la Atlantic Records, King ottenne il primo successo discografico con la ballata Spanish Harlem del 1961. 

Stand by Me fu il suo secondo singolo. Scritta dallo stesso King, insieme aJerry Leiber e Mike Stoller, Stand by Me venne scelta come una delle “canzoni del secolo” dalla RIIA. Stand by MeThere Goes My Baby e Spanish Harlem inoltre furono premiate nella prestigiosa Grammy Hall of Fame Award, insieme a Save the Last Dance For Me. Fra gli altri suoi brani più celebri si ricordano anche “Don’t Play That Song (You Lied)” (registrata anche da Aretha Franklin negli anni settanta), AmorSeven LettersHow Can I ForgetOn the HorizonYoung Boy BluesI (Who Have Nothing), e molte altre.

 Ben E. King nel 2006

I dischi di King continuarono ad ottenere buoni piazzamenti nella classifica Billboard Hot 100 fino al 1964, quando sulla scena discografica inglese si iniziarono ad imporre numerose band pop. Tuttavia King mantenne ottimi risultati nel campo della musica R&B.

Nel 1990, King e Bo Diddley (featuring Doug Lazy) hanno registrato una versione Hip hop del brano dei The Monotones del 1958 Book of Love per la colonna sonora del film The Book of Love. King ha inoltre registrato un album per bambini intitolato I Have Songs In My Pocket, scritto e prodotto da Bobby Susser nel 1998, che ha vinto i premi “Early Childhood News’ Directors’ Choice Award” e “Dr.Toy’s / The Institute For Childhood Resources Award“.

Nel corso della sua carriera Ben E. King ha ottenuto cinque singolo al numero uno: There Goes My BabySave the Last Dance For MeStand By MeSupernatural Thing, e la ristampa del 1986 di Stand By Me, pubblicata in occasione dell’uscita nei cinema del film Stand by Me (diretto da Rob Reiner) – Ricordo di un’estate, tratto da un romanzo di Stephen King. Dal 1956 al 1986 il cantante è stato 12 volte nella top ten. 
Nel 1964 King partecipò anche al Festival di Sanremo con la canzone Come potrei dimenticarti, cantata insieme a Tony Dallara.

King è stato partecipe di tante iniziative con la sua fondazione umanitaria Stand By Me Foundation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *