“Quello che non ti ho mai detto” esordio letterario di Rosanna Badalamenti

Giorno 17 Gennaio  dalle 16,00  alle 18,00  presso l’Aula Consiliare di Altavilla Milicia Via Caduti di Nassiriya 4 sarà presentato il libro di poesie

43467058_2160254190652785_1623166139427192832_o

Giorno 17 Gennaio  dalle 16,00  alle 18,00  presso l’Aula Consiliare di Altavilla Milicia Via Caduti di Nassiriya 4 sarà presentato il libro di poesie.

57 poesie sono contenute nel libro di Rosanna il suo “primo figlio” letterario che la poetessa dedica ai suoi due figli ragione della sua vita.

Attraverso la vicenda esistenziale di Rosanna l’autrice analizza e declina l’amore come sentimento e come sostanza della vita umana. Si intrecciano lungo il percorso di poesie storie di donne che sembrano avere la funzioni di “materiali” per argomentare il vissuto  interiore dell’io narrante che si sostanzia, appunto,  nel suo raccontare e ragionare dell’amore. Amore indagato su piani diversi nelle poesie di Rosanna che si intrecciano, si compenetrano,  si appartengono. Amore indagato sul piano strettamente intimo e personale. Amore semplicemente sempre con la A maiuscola,  indagato sul piano esistenziale speculativo, amore sviluppato sul piano della poesia, amore  che e’ poesia che, proprio in quanto tale,  sa’ dare voce alla bellezza come categoria di pensiero capace di mettere tutto in discussione, capace, perfino di scoordinare i piani temporali. Leggere le poesie di Rosanna  ci fa sentire in pace con il mondo, non si può non essere felici per esempio leggendo la poesia “L’amore e’ una ginestra ” che stigmatizza  l’attaccamento della poetessa per la sua amata terra di Sicilia….

“Quello che non ho mai detto” il titolo del suo primo “figlio letterario” e’ un titolo molto esplicativo fa pensare ad una  introspezione dell’anima., Come mai ha scelto questo titolo?

“È veramente una introspezione dell ‘ anima, risponde  Rosanna Badalamenti.

Ho scelto questo titolo perché alcune poesie contenute nel libro sono molto tristi e quando l ‘ anima soffre si tende a nascondere il dolore quasi fosse una vergogna , si ha paura di non essere compresi e ancor peggio che qualcuno possa minimizzare la tua sofferenza interiore   È più facile credere ad un dolore fisico evidente piuttosto che ad uno nascosto  figlio dell ‘ anima. Quando cominci a parlarne significa che hai fatto pace con te stessa, ti rialzi,  accetti il dolore e capisci che nessuno è in grado né di quantificarlo né di giudicarlo” .

Molti i temi   descritti  in  versi nelle sue poesie ma  quale e’ il tema  che più sente come suo e perchè?

“In realtà non c ‘è un tema che sento più o meno mio. Io scrivo per bisogno. Scrivo  di getto tutto ciò che sento. Quante poesie nascoste nei cassetti, alcune in mezzo ai miei libri, altre perse  e altre volutamente cestinate perché, credevo, una volta scritte, che avessero finito il loro compito che era quello di farmi stare meglio. Sento un movimento proprio dell’ anima e solo quando esce e prende forma di poesia me ne libero sprigionando in me  positività” .

Chi e’ colui che  l’ha sostenuta ed incoraggiata   per realizzare  il suo sogno artistico?

“Scrivo  poesie da quando avevo 13 anni, considerando che ora ne ho 47,  ho incontrato diverse persone  che si sono emozionate leggendo le mie poesie e  mi hanno incoraggiato a raccoglierle  e pubblicarle. In realtà poi io ho indossato l ‘abito del coraggio e ho spogliato l ‘ anima davanti a tutti. Ho incoraggiato me stessa !”

image1

Pensa di fare pubblicare un secondo libro di poesie e se si, come si intitolerà?  Forse magari  nei suoi progetti culturali pensa di   fare interpretare le  sue poesie con  dei balletti; un prolungamento in  movimento dei suoi versi….

” Sì, sicuramente pubblicherò un altro libro e poi un altro ancora. Ogni mio verso troverà posto in una pagina del  mio libro. Il titolo arrivera’ da sé. Sarebbe proprio bello fare interpretare le mie poesie con dei balletti e portare in sintonia il movimento dell ‘anima con il movimento del corpo. Intanto continuo a scrivere ciò che sento e poi si vedrà”.

Chi saranno gli ospiti che verranno premiati  giorno 17  Gennaio  e perche’ ha pensato di premiare  queste persone ?

“Gli ospiti  che verranno premiati, con la recitazione di una mia poesia dedicata a loro,  sono in primo luogo i miei  piccoli alunni. Non a caso ho scelto la scuola   per la mia prima presentazione.  È dai miei bambini che ho sempre preso la forza per stare bene.  E non importa se sono stati alunni per un giorno, per una settimana o per un anno o se sono  nati al nord ( ho insegnato anche a Bergamo e a Torino ) o al sud, in ogni caso sono stati i miei alunni. Il titolo della poesia è ” Sogni di zucchero filato “

Premierò con una pergamena  Angelo Giovanni Fontana (dirigente scolastico) , Lia Pinello (critico letterario) , Ivo Tiberio Ginevra (editore), Simona Lascari (attrice), (Pippo Mangano musicista) ,Rosanna Roccamatisi (cantante lirica pop), Elio Manili (scrittore), Gabriele Montera (presidente associazione onlus unalottaxlavita) ,Domenico Ortolano presidente dell’associazione Castello e Parco di Maredolce), Angelo Marano (Sicilmedtv), Floriana Leone (fotografo),  Giuseppe Virga  (Sindaco  di Altavilla), Rita Lazzara (Assessore  alla cultura), Mariella Cirafici (presidente dell’associazione”Fidapa”), Mimma Ferini (presidente dell’associazione ” Arcobaleno “) ed  il grande maestro d’arte Claudio Sciacca che ci onorera’ con la sua presenza portando un suo dipinto  che sara’ accorparato ad una delle mie poesie “Comprerà cento rose”.

Tutti infatti , non in ordine d’ importanza,  con la loro presenza e con il loro amore per la poesia e l ‘arte , renderanno la presentazione del libro un evento interessante, degno e culturalmente elevato. Un ringraziamento particolare andrà all’ organizzatrice  Chiara Fici  Globus Magazine)  che ho voluto fortemente come madrina d’ onore che  sarà anche presentatrice del pomeriggio culturale. Chiara mi ha spalancato le porte verso nuovi mondi dove l ‘ arte, intesa in senso lato,  è bellezza mistero e autenticità . E infine con “il cuore in mano” premierò tutti i presenti” .

Si preannuncia molto interessante  il pomeriggio di giorno 17 Gennaio, allora  a me non resta altro  che darvi appuntamento presso l’Aula Consiliare Via Caduti di Nassiriya 4 Altavilla Milicia inizio della manifestazione  ore 16,00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *