“Il Principe De Gregori” nel suo regno a Taormina

Il 27 agosto, a Taormina, un grande successo per il concerto dell’artista Francesco De Gregori nella magica scenografia di Taormina.

14066382_1671202123199561_9141925601164822943_o

Foto di Aldo Palermo Tancredi

Nel suggestivo scenario del teatro antico di Taormina si è svolto il 27 agosto il concerto dell’artista Francesco De Gregori. Il teatro gremito di fan e biglietti esauriti da tempo. Evento organizzato dal management di Musica & Suoni, capitanato da Nuccio La Ferlita, un avvenimento che rimarrà nel cuore di tutti.

14067916_1671310636522043_6956028214806294769_o

Foto di Aldo Palermo Tancredi

Ad aprire il concerto la cantante Miele con alcuni dei suoi brani tra cui la canzone “Questa Strada” che ha lasciato, decisamente, un segno. Come ha spiegato, la cantante, “Questa Strada” è una metafora della vita, affermando: “L’importante nella vita personale di ognuno di noi non è la meta, ma il percorso, perché la vita acquista un senso solo non fermandosi”.

Quando De Gregori sale sul palco, il pubblico all’unisono urla: “Il Principe”. Il soprannome “Il Principe”, è molto caro a De Gregori perché gli fu dato dall’amico Lucio Dalla e calca il palco con una padronanza e signorilità uniche incantando il pubblico.

14115540_1671210709865369_159305235767498020_o

Foto di Aldo Palermo Tancredi

Un medley di canzoni che ha suscitato forti emozioni come “Pezzi di vetro”, L’agnello di Dio, Vai in Africa Celestino, Alice, La storia siamo noi, Sempre e per sempre, Un angioletto come te, dove il ritornello emblematico suona così: “Qualcuno ha detto che l’amor di patria, è l’ultimo rifugio che c’è, ruba una mela e finirai in galera ruba un palazzo e ti faranno re”…e tanti altri “pezzi” per poi concludere il concerto con le canzoni storiche Generale e La donna cannone. I suoi testi hanno sempre toccato temi che vanno dal sociale, alla politica e all’amore spesso di difficile interpretazione; può essere definito senz’ombra di dubbio poeta dello scibile umano.

Un concerto imperdibile in una cornice magica come Taormina, con una scenografia di luci spettacolari, con un De Gregori altrettanto magico…

14138256_1671210079865432_2059644551184947023_o

Foto di Aldo Palermo Tancredi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *