PRESENTATA A SIRACUSA LA RIVISTA “DE SIDEREUM”

Da queste ragioni proviene il titolo De Sidereum, consacrato a una mancanza che l’opera di rigenerazione filosofica, attraverso la costante operatività, può fortemente contribuire a risolvere. 

20181026_182424

Presentata a Siracusa nel salone di Villa Reimann la rivista “De Sidereum”, curata da Davide Crimi. Un evento organizzato da Silvio Aliffi, cancelliere comandante dell’Ordine dei Cavalieri di Pitia, presenti Giacinto Avola, presidente di Inforum Europa, Domenico Romeo, Console di Turchia, Adriana Roccamo Bizzarro, l’editore Carlo Morrone, il professore Galvagno, il dottor Antonino Scandurra, Elena Lazarenko e gli amici di Casa Russia, Antonio Urzì Brancati dell’Ordine Esoterico Martinista e tanti altri personaggi di spicco intervenuti. La rivista De Sidereum accoglie in pieno i principi martinisti e professa quindi la filosofia dell’Unità, protesa versa una conoscenza diretta, senza mediazioni di un clero, ma portatrice di un messaggio universale a cui ciascuno, nelle dovute condizioni, può accedere direttamente. Da queste ragioni proviene il titolo De Sidereum, consacrato a una mancanza che l’opera di rigenerazione filosofica, attraverso la costante operatività, può fortemente contribuire a risolvere. La Rivista è articolata in tre parti: una prima sezione dedicata alla filosofia spiritualista e specialmente al Martinismo; una seconda di selezione letteraria, definita delle “Corrispondenze”, nella quale trovano ospitalità contributi di natura artistica, dalla poesia alla pittura, dalla critica letteraria e teatrale alle forme di speri menzione. La sezione conclusiva lascia il posto a contributi di approfondimento dottrinale attingendo direttamente al repertorio dei Maestri Passati che hanno fatto grande la dottrina e la filosofia del Martinismo, sovente sconosciuta ai più, che la Rivista intende far conoscere come sistema di strumenti per la comprensione e l’azione per la rigenerazione dell’anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *