Presentata interrogazione parlamentare sull’emergenza Ebola

Tutto questo dopo la denuncia del Cni-Fsi

A seguito della denuncia avanzata dal Coordinamento Nazionale Infermieri aderente alla Federazione Sindacati Indipendenti, rappresentato da Calogero Coniglio, in merito al rischio di importazione della malattia da virus Ebola in Sicilia e alla impossibilità della Regione di fronteggiare questa gravissima emergenza, è stata presentata una interrogazione parlamentare Ai Ministri  della Salute e dell'Interno da parte dei senatori Antonio Scavone, Giuseppe Compagnone, Vincenzo D'Anna, Giuseppe Ruvolo. 

"Il Coordinamento nazionale Infermieri  ha denunciato, apertamente, la paradossale mancanza, in Sicilia  di strutture idonee a contrastare l’insorgere di una eventuale epidemia - si legge nella interrogazione - Per esemplificare, attualmente, si rileva, ex multiis, l' assoluta mancanza all'interno degli ospedali di:  maschere FFP3 (che consentono massima protezione contro i virus), tute di sicurezza classe 3, termometri funzionanti a distanza;

In coerenza con questo quadro di scarsa dotazione sanitaria, si rileva come  non sussistano centri di isolamento, sale filtro, ambulanze ad alto bio contenimento, protocolli, linee guida;

Dinnanzi ad un panorama così desolante, gli infermieri non possono che essere angosciati, privi di informazioni, chiarimenti e, soprattutto, di adeguata e urgente formazione professionale posta la mancata conoscenza e la assenza di mezzi atti ad individuare segni, sintomi e trattamenti del virus".

"A distanza di ben 3 mesi dall’“allerta ebola" - si legge nella interrogazione - la Regione Siciliana non ha adottato alcun provvedimento preventivo in seno agli ospedali a tutela sia del personale che dei pazienti ivi degenti. Si chiede pertanto quali iniziative precauzionali, misure di sicurezza sanitaria, vigilanza e sorveglianza, i Ministri interrogati, intendono, con impellenza, adottare al fine di monitorare la situazione di emergenza Ebola  presso le strutture ospedaliere della   Regione Sicilia, allo scopo di prevenire la diffusione del virus e fronteggiare, nella scongiurata evenienza, casi di contagio. Quali forniture mediche, risorse umane specialistiche e finanziarie, sono state predisposte a supporto delle attivita’ di coordinamento, controllo e prevenzione dell’infezione. Se il Ministro della Salute  non  ritenga opportuno  predisporre  un'adeguata formazione  professionale del personale sanitario, nonchè  affrontare la carenza di idonee strutture attrezzate,  nonchè di dispositivi  di protezione  a garanzia  della prevenzione del contagio e  per l' individuazione dei sintomi di eventuali  pazienti sospetti, per un  virus epidemico il quale si presenta particolarmente aggressivo, molto contagioso e,  troppo spesso, mortale".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *