‘Passeggero dormiente’ rimane chiuso in aereo: ma dormono anche gli assistenti di volo?

USA – Passeggero rimane chiuso in aereo della ExpressJet perché non si accorge dello scalo. La compagnia lo rimborsa. ‘Dormono anche gli assistenti di volo’, che non controllano che l’aereo sia vuoto?

Tom Wagner: questo è il nome del “viaggiatore dormiente”!

Il malcapitato, in volo da Lafayette, Louisiana, verso la California, stava andando a trovare la sorella. Peccato che il suo sonno sia durato più del dovuto e, soprattutto, che nessuno si sia preso la briga di avvertirlo dell’arrivo a Houston, dove si faceva scalo. Che stessero “dormendo” anche gli assistenti di volo?

Rimane un mistero…

Tom, infatti, si è risvegliato al freddo e al buio, chiuso nel velivolo ormai parcheggiato nell’hangar. Dopo essersi accorto di quanto accaduto, ha chiamato la fidanzata, la quale ha allertato la sicurezza dell’aeroporto, che l’ha liberato. La compagnia aerea coinvolta, la ExpressJet, si è scusata e lo ha risarcito con due bei “regali”: una notte pagata in albergo, a Houston, e un buono da 250 dollari.  L’aereo, infatti, si era fermato a Houston, dove doveva fare scalo, e lui, dormendo, aveva perso il volo-coincidenza, che lo avrebbe dovuto portare in California. 

Un brutto spavento per il povero Tom, che al risveglio si è ritrovato in un con le porte sbarrate!.

Quando ho chiamato la mia fidanzata per raccontarle tutto, credeva che fossi impazzito – ha raccontato lo sfortunato viaggiatore -. Cosa sarebbe successo  se avessi avuto un attacco di cuore? Se fossi morto?’. 

E pensare che non è il primo incidente di questo tipo per la United Express. Nel 2010, una donna del Michigan, che stava viaggiando su un volo della stessa compagnia da Washington a Philadelphia, si svegliò su un aereo chiuso e vuoto circa quattro ore dopo l’atterraggio.

Beh, allora tutto appare decisamente più chiaro! Quelli che “realmente dormono” sono gli assistenti di volo! Perché non offrire loro un bel caffè prima di ogni viaggio? Alla compagnia aerea…costerebbe decisamente meno!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *